Sabato 10 Dicembre

F1, problema vie di fuga: Daniel Ricciardo ha la soluzione

LaPresse/EFE

Inserire dei letti di ghiaia a bordo pista sarebbe, secondo Ricciardo, un ottimo deterrente per evitare tagli come quello di Hamilton alla prima curva in Messico

Molte polemiche ma anche tanti spunti su cui discutere e confrontarsi. Il Gp del Messico non ha regalato solo scintille e battibecchi tra le scuderie di Formula 1, ma ha fatto luce anche su un tema importante come quello relativo alle vie di fuga, argomento divenuto scottante dopo le parole di Bernie Ecclestone.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

L’ipotesi paventata da Mister E di piazzare dei muri a bordo pista non risulta essere la più gettonata, i letti di ghiaia invece sarebbero utili per evitare tagli come quelli di Hamilton alla prima curva in Messico. Favorevole a questa soluzione è Daniel Ricciardo, al quale non è andato giù il comportamento di Lewis subito dopo la partenza: “io sono un fan delle vie di fuga in ghiaia, perché sono un deterrente. Anche se si taglia in una di quelle velocemente, avrai sassi nei radiatori e sugli pneumatici, quindi costa più di una penalità. Non mi piace che un pilota possa fare un errore mentre si difende, tagliare e continuare. Quindi non credo che sia giusto quello che ha fatto Lewis alla prima curva. Se si commette un errore del genere in un momento cruciale come il primo giro si dovrebbe pagare più a caro prezzo“.