Domenica 4 Dicembre

F1-Penalità Vettel, arrivata la decisione dei commissari: la FIA respinge il ricorso Ferrari

LaPresse/Photo4

Dal momento che non risultano esserci nuovi elementi per riaprire l’indagine, la FIA ha respinto il ricorso della Ferrari sulla penalità a Vettel

Niente da fare per la Ferrari, la Fia ha deciso di rigettare il ricorso presentato dalla Ferrari contro la penalità inflitta a Vettel nel dopo gara del Gp del Messico.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

I nuovi elementi di prova per scagionare il pilota tedesco non hanno convinto i commissari a riaprire l’indagine riguardo la manovra messa in atto dal ferrarista nei confronti di Ricciardo e, per questo motivo, hanno deciso di mettere la parola fine alla questione. Secondo la scuderia del Cavallino, i dati GPS presentati al Governo sportivo avrebbero costituito un valido elemento di prova per scagionare Vettel, ma così non è stato. In un comunicato emesso dalla FIA si legge che:

“la Scuderia Ferrari ha sostenuto nella sua comunicazione scritta che il “nuovo elemento”, ai sensi dell’articolo 14.1 del Codice Sportivo Internazionale, esisteva. Nelle sue osservazioni verbali ha anche sostenuto che vi erano due “nuovi elementi”. In particolare la Scuderia sostenuto che il direttore di gara, ai sensi dell’articolo 27.4 del Regolamento FIA di Formula 1, aveva il “potere” per indicare al conduttore dell’auto numero 33 (Max Verstappen), di restituire il presunto vantaggio che aveva acquisito al momento di lasciare la pista, il giro precedente a quello dell’incidente che ha coinvolto la vettura numero 5 e la vettura numero 3 guidata da Daniel Ricciardo…”

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

“Quando è stato chiesto se i dati GPS in qualsiasi modo contraddicessero la telemetria e le altre prove che i Commissari hanno presentato, mostrando che il conduttore della vettura numero 5 aveva sterzato mentre era in frenata alla curva 4, il signor Clear ha ammesso che non contraddicevano i fatti. L’articolo 14.2 del Codice Sportivo Internazionale dà Commissari Sportivi la discrezione per determinare se esiste un nuovo elemento esiste. Dopo aver ricevuto tutti i contributi scritti e verbali e, considerati con attenzione, i Commissari sportivi decidono non è emerso alcun elemento nuovo”.

La Ferrari però non si arrende e ha già manifestato la sua volontà di presentare appello alla decisione.