Martedi 6 Dicembre

F1, le verità di Rosberg: “Hamilton? Ecco cosa ho pensato negli ultimi giri”

LaPresse/PA

Nico Rosberg felice e sincero: il tedesco racconta cosa ha pensato nei momenti più importanti della gara di ieri ad Abu Dhabi

Grandi emozioni ieri ad Abu Dhabi. Nico Rosberg ha finalmente messo le mani sul titolo Mondiale. Il tedesco della Mercedes si è piazzato al secondo posto alle spalle del suo compagno di squadra Lewis Hamilton, col quale non sono di certo mancate le polemiche. Il britannico ha cercato di “giocare sporco”, abbassando il livello della gara per cercare di farsi raggiungere dai rivali in modo tale che cercassero di superare il suo rivale.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Rosberg però, adesso sereno e gioioso, col suo titolo in mano, non vuole alimentare ancora di più queste polemiche: “ha usato tutto il suo talento. Passarlo? Ci ho pensato, ma non era possibile. In certi momenti è stato poco piacevole. Negli ultimi giri se quei due (Vettel e Verstappen; n.d.r.) mi avessero scavalcato, avrei perso tutto“, ha dichiarato in un’intervista a La Gazzetta dello Sport.

Il tedesco ammette poi che battere Hamilton ha un sapore speciale: “sicuro, è una vita che corro con lui, ci contendiamo i titoli sin dai kart. E’ un pilota straordinario, uno dei migliori. Essere stato in grado di sottrargli il campionato è incredibile“.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Impossibile poi non parlare di papà Keke: “Fantastico. Mi è sempre vicino, ogni sabato mi manda un messaggio per dire “tieni giù il piede” e lo fa seguire da punti esclamativi. Lui e mamma (Sina, ieri ai box; n.d.r.) hanno avuto un grande ruolo per me. Papà è stato soprattutto bravo a capire quando è stato il caso di fare un passo indietro“, ha aggiunto.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Guardando al futuro Rosberg è certo di una cosa: “correrò meglio di questi due giorni, ero sotto pressione“. Infine un commento per quei festeggiamenti in italiano e i cori “siamo campioni del mondo!”: “tutti i miei amici sono italiani, amo la vostra cultura e il sostegno che ricevo dall’Italia, come si è visto a Monza“, ha concluso Rosberg.