Giovedi 8 Dicembre

F1, finisce un’era in casa McLaren: Ron Dennis costretto ad un addio forzato

LaPresse/Photo4

Come riportato dalla BBC, Ron Dennis dovrà dimettersi dal ruolo di presidente e ad del McLaren Group a causa di una decisione degli altri azionisti

Dopo 35 anni, Ron Dennis si appresta a lasciare la McLaren. Una decisione ‘forzata’ dagli altri azionisti, riporta la BBC, che imporranno a Dennis di dimettersi da presidente e amministratore delegato del McLaren Group. Nonostante abbia provato a opporre resistenza a questo ‘riposo forzato’ (respinto però il ricorso presentato all’Alta Corte di Londra), il 69enne imprenditore britannico non avrà altra scelta che farsi da parte.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Dennis è proprietario del 25% del McLaren Group, un altro 25% appartiene al suo storico partner d’affari Mansour Ojjeh mentre il 50% è nelle mani del Mumtalakat, fondo d’investimento del Bahrain. Fra Dennis e Ojjeh, però, non corre buon sangue da anni e il 64enne francese di origine saudita si sarebbe di fatto alleato col fondo Mumtalakat per estromettere l’ex amico. Dennis è arrivato in McLaren nel 1980 e ne ha preso il pieno controllo l’anno dopo, avviando un’era di successi con 10 Mondiali Piloti vinti dai vari Lauda, Prost, Senna, Hakkinen e Hamilton oltre a 7 titoli Costruttori. Negli ultimi anni, però, il team è entrato in una spirale negativa e a poco fin qui è valso l’arrivo della Honda a dare una mano. Il posto di Dennis potrebbe essere presto dall’americano Zak Browk, già figura di spicco in Formula Uno in ambito commerciale. (ITALPRESS)