Venerdi 2 Dicembre

F1 – Emozione e sorrisi, Massa racconta Schumi: “sciavamo con la vodka sotto la giacca. Annuncio del ritiro? A Monza perchè…”

lapresse

Tanti aneddoti raccontati da Felipe Massa su Michael Schumacher, e quella volta a Monza che…

L’emozione del Gp del Brasile è ormai alle spalle, per Felipe Massa è tempo adesso di pensare alla sua ultima gara in Formula 1, in programma nel prossimo week-end sul circuito di Abu Dhabi.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Con la bandiera a scacchi si chiuderà una lunga parentesi lunga più di un decennio, caratterizzata da trionfi, sorrisi ma anche da alcune cocenti delusioni. Intervistato dal sito ufficiale della Formula 1, Felipe Massa ha raccontato in particolare il suo periodo in Ferrari, durante il quale ha condiviso il box nientemeno che con Michael Schumacher. “Michael era divertente e simpatico – ricorda Massa – specialmente in occasione degli eventi invernali della Ferrari a Madonna di Campiglio, quando eravamo in ‘tempo di relax professionale’. Facevamo burnout con le auto in mezzo alla neve, scendevamo i pendii con una bottiglia di vodka sotto la giacca a vento per stare più caldi, che ricordi…”.

 LaPresse/PA

LaPresse/PA

Un rapporto diverso rispetto a quello avuto con altri compagni di squadra, quello con Schumacher rappresentava un legame unico per Massa: “ho cercato di stare davanti a lui, ma l’ho guardato sempre come un idolo. Volevo essere come lui. Probabilmente mi vedeva come il piccolo ragazzo che voleva aiutare. E’ stato un rapporto molto diverso da tutti gli altri miei compagni di squadra, forse è per questo che ho deciso di annunciare il mio ritiro a Monza, in quanto vi è una storia collegata a questo”. Con un pizzico di commozione, Massa svela anche questo particolare: “Kimi aveva già firmato un contratto con la Ferrari due anni prima e l’unico modo per me di restare con la Ferrari era che Michael andasse in pensione. E lo ha fatto, a Monza del 2006. Probabilmente era un po’ stanco, forse avrà pensato ‘Felipe sta facendo un buon lavoro, meglio dargli la possibilità di rimanere’. Non lo so – ha concluso Massa – ma è per questo che ho fatto la mia decisione a Monza 2016, dieci anni dopo