Venerdi 9 Dicembre

F1, Ecclestone mette le cose in chiaro: “nel circus comando ancora io”

LaPresse/Photo4

Intervistato da Globo Esporte, Bernie Ecclestone ha sottolineato come sia ancora lui il padrone della Formula 1

Bernie Ecclestone è ancora il “padrone” della Formula 1, almeno fino a quando gli americani di Liberty Media non acquisteranno il 100% della società che gestisce i diritti commerciali del grande Circus a quattro ruote. “Avere un nuovo partner non significa avere un nuovo proprietario, hanno comprato finora solo una partecipazione nella società che gestisce i diritti commerciali” dice Ecclestone in una intervista al brasiliano Globo Esporte.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Nel mese di settembre, Liberty Media, infatti, ha acquistato il 18,7% di Delta Topco e impegnata ad acquisire il restante 81,3% entro aprile del prossimo anno, un’operazione che mobiliterà 8 miliardi di dollari. Fatto ciò, come ha sottolineato il padrino della F.1, avranno diritto di gestirla come vogliono. “Se comprano il resto della partecipazione della società possono dire quello che vogliono in F.1. Possono fare quello che vogliono perchè la definizione del regolamento coinvolge anche la FIA“. Tra le novità che Liberty Media ha annunciato c’è quella di esplorare i social media, di portare la Formula Uno su Internet, come fanno negli Stati Uniti. Ma una delle maggiori fonti delle attuali entrate proviene dalla vendita dei diritti televisivi.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Non ho idea di come possono fare entrambe le cose. Se avessi saputo come l’avrei fatto anch’io” risponde Bernie Ecclestone che sulla possibilità di intervenire sulla composizione del calendario dei Grand Prix, ricorda: “certamente, ma dovrà proporre il suo calendario alla FIA. Oggi non facciamo questo, più o meno la FIA ha accettato il calendario che ho impostato, forse le cose cambieranno abbastanza“. Sulla possibilità di ridurre i 50 milioni di dollari che vanno alla Ferrari solo per la sua importanza storica, Ecclestone dice: “non ho idea, dovete chiedere alla Ferrari. Penso che non saranno felici“. (ITALPRESS)