Venerdi 9 Dicembre

F1, Button sincero: “voglio considerare questa gara come l’ultima, in futuro chi lo sa”

LaPresse/Photo4

Le sensazioni di Jenson Button alla sua, forse, ultima gara della carriera

Finalmente ci siamo, l’ultimo atto della stagione di Formula 1 è arrivato, il Gp di Abu Dhabi è pronto a incoronare il nuovo campione del mondo. Nico Rosberg da un lato, Lewis Hamilton dall’altro, in mezzo dodici punti a favore del tedesco che gli consentono di poter centrare il primo successo iridato in carriera conquistando un terzo posto in Asia. Domenica ci sarà anche l’ultima apparizione di Felipe Massa e Jenson Button in Formula 1, un commiato emozionante che i due driver vorranno onorare nel miglior modo possibile. Intanto oggi va in scena la consueta conferenza stampa della vigilia, divisa in due parti per lasciare spazio nel finale proprio a Rosberg e Hamilton.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Dovrei parlare per un bel po’, innanzitutto approccio questo weekend pensando che sarà la mia ultima gara, non voglio correre in F1 dopo questa gara ma voglio considerarla come l’ultima gara ma poi dopo vedremo cosa succederà, è stata un’avventura molto lunga, da quando avevo 8 anni ho corso nel motorsport, tutto il mio lavoro era indirizzato ad arrivare in F1 poi arrivi in questa categoria con tanti sogni e l’aspirazione di ottenere qualcosa di importante e costruire dei ricordi e io ne avrò diversi in questa lunga carriera, tanti mi hanno cambiato la vita, alcuni belli altri negativi, e potermi congedare con un titolo mondiale è qualcosa di speciale. Ho vinto il titolo del mondo con un team privato e credo sia una cosa speciale in un anno memorabile. Spero di poter raccontare tutto questo ai miei nipoti in futuro. E’ davvero bellissimo poter chiudere così la mia carriera dopo 300 gp, esco felice per tutto quello che ho ottenuto, posso aprire adesso un nuovo capitolo della mia vita“, ha esordito Button in conferenza stampa.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Ogni cambiamento viene effettuato per miglioramenti, poi vedremo se funzioneranno, io continuerò a lavorare per la McLaren Honda, ci sarà una nuova prospettiva con nuove idee, speriamo di poter sfruttare in maniera positiva i cambiamenti che arriveranno“, ha aggiunto il britannico della McLaren

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Preferisco approcciare questa gara come se fosse l’ultima, è vero che ho un contratto fino al 2018 ma se dovessi decidere adesso non correrei fino al 2018, per questo ho firmato il contratto con 3 mesi di anticipo perchè non volevo arrivare all’ultimo con questa decisione. La penso così in questo momento ma tra 6 mesi un anno magari le cose posso cambiare, chi lo sa“, ha spiegato ancora Button che sembra quindi per il momento di non voler più gareggiare.

Il motivo principale per cui la gente guarda la F1 è vedere lotte tra team e piloti diversi in ogni gara. La Mercedes ha fatto un lavoro migliore rispetto agli altri e quindi gli altri devono lavorare sodo. Credo che lo sport potrà attrarre nuove persone se ci saranno altri team che lotteranno per il titolo con la Mercedes, che per adesso vince sempre e non è molto attrattivo. Magari il cambiamento di regole aiuterà gli altri team a ridurre il divario“, ha continuato il pilota della McLaren.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Il nostro compito non è guardare indietro, dobbiamo vivere il momento, è la nostra ultima gara, entrambi pensiamo al futuro dopo la pista e le gare. Sicuramente si commettono degli errori ma il segreto sta nel voltare pagina e andare avanti“, ha concluso Button.