Sabato 3 Dicembre

Ciclismo – Ecco il “Giro di Donald Trump”, la corsa che avrebbe dovuto sostituire il “Tour de France”

LaPresse/Reuters

Donald Tramp nel 1989 ideò una corsa ciclistica a suo nome che aveva il compito di far dimenticare il Tour de France

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Era il 1989 quando un imprenditore americano ideò una corsa particolare quanto importante a livello economico. Donald Tramp, neo Presidente degli Stati Uniti, aveva ideato una corsa ciclistica nel Nord America che doveva sostituire niente meno che il Tour de France. Il Tour de Tramp, era il nome della corsa che il miliardario newyorchese diede alla corsa ciclistica che aveva come premio ben 250 mila dollari,  ben superiore al Tour de France. Furono corse solo due edizioni del Tour de Tramp, e nella prima hanno partecipato ben otto squadre dell’allora WorldTour ed undici del Professional. 

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Gli ho messo il mio nome perché credo che abbia un grande futuro e credo che mi basteranno pochi anni per farlo diventare più importante del Tour de France”, dichiarò Donald Tramp come riportato da ciclismo ignorante.

La corsa, a suo modo, ha rappresentato un controsenso nell’ideologia di Trump: il tycoon americano, famoso per le sue ideologie xenofobe e razziste, legò il suo nome ad una gara che venne vinta clamorosamente da un messicano, Raul Alcalà, vincitore della seconda edizione, che fu anche l’ultima visto che nel 1991 il magnate dichiarò bancarotta e il Tour de Trump diventò Tour DuPont.

A distanza di anni Alcalá non nasconde la sua scarsa stima verso Trump: “senza ombra di dubbio le frasi sulla costruzione di muri al confine sono pura propaganda, ma personalmente gli preferisco la Clinton – ha dichiarato il ciclista come riportato sempre da ciclismo ignorante –In ogni caso va riconosciuto ciò che di buono rappresentava quel progetto cioè un investimento concreto ed economicamente importante nel ciclismo, a quello credo sia necessario dare seguito per continuare a sostenere l’intero movimento“.