Venerdi 9 Dicembre

Caos Inter, l’ex Van Der Meyde ci va giù duro: “nemmeno Mou risolverebbe nulla, il problema è la dirigenza”

Interrogato sull’esonero di De Boer, Van der Meyde attacca duramente l’Inter, prendendo le difese del connazionale

L’esonero di De Boer non ha assolutamente senso! Se c’è qualcosa che va cambiato nell’Inter non è certo l’allenatore. Andrebbe cambiata… la società. Sembra che ci sia una confusione totale, dov’è la dirigenza?“. Parole di Andy Van Der Meyde, ex giocatore dell’Inter e della nazionale olandese in un’intervista concessa a Sport Mediaset.

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Negli ultimi sei anni hanno cambiato otto allenatori, tutti con gli stessi problemi. Frank è un ottimo tecnico e una bravissima persona – sottolinea Van Der Meyde – è arrivato ad agosto, con la squadra di Mancini, non è stato responsabile della preparazione atletica. Non è stata una mossa intelligente cambiare e prendere un coach a quel punto dell’anno. La dirigenza, se ci fosse, doveva dire una cosa chiara: quest’anno non conta arrivare in Champions o vincere lo scudetto. Quest’anno bisogna costruire qualcosa. E De Boer era perfetto. Sapete una cosa? Nemmeno se arrivasse Mourinho otterrebbe buoni risultati in questa situazione. Farebbe esattamente la stessa fine perfino lo Special One“. L’olandese è rimasto legato all’ambiente nerazzurro: “voglio bene ai tifosi dell’Inter. Ma la situazione in campo e nello spogliatoio mi pare la stessa di quando sono arrivato nel 2003.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Il primo giorno ad Appiano Cuper mi ha guardato e mi ha chiesto: e tu chi sei? Non mi aveva comprato lui, lo aveva fatto il ds Branca. E anche con lui son successe delle cose… Dopo una partita in cui io ed altri eravamo rimasti in panchina nello spogliatoio scoppiò un vero e proprio casino, con l’allenatore in mezzo e i giocatori che insultavano il ds Branca: ‘Non sei tu a dover fare la formazione!’“. Secondo Van Der Meyde l’Inter avrebbe bisogno “di una dirigenza importante e di un tecnico che debba occuparsi solo ed esclusivamente di fare il proprio lavoro“. Al momento panchina affidata a Vecchi in attesa che venga nominato il successore. Si parla di Pioli, Guidolin, ma nelle ultime ore è sempre più ricorrente il nome di Guus Hiddink. “Mi prendi in giro? Hanno appena esonerato un allenatore olandese e ne vogliono un altro? Incredibile. Ripeto, nemmeno Mourinho risolverebbe la situazione”. (ITALPRESS)