Domenica 11 Dicembre

Bufera Buffon: “ecco perché vinciamo in Italia”. La Juventus: “dichiarazioni false”, ma GDS rilancia: “tutto vero!”

LaPresse/Francesca Soli

La Juventus etichetta come false le dichiarazioni di Buffon dopo la gara con il Napoli: ma è bufera intorno all’ambiente bianconero

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Buffon, bufera Juventus – Una bufera che la Juventus ha prontamente cercato di placare. Di certo, intorno all’ambiente bianconero non si respira un’aria del tutto serena. Ma ripercorriamo la vicenda. Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, Gigi Buffon avrebbe parlato così ai propri compagni di squadra sabato sera dopo il successo con il Napoli: “ragazzi, così non si va da nessuna parte. In Italia vinciamo perché gli altri si scansano, ma in Europa non succede e non succederà. In Italia le uniche due squadre che non si sono scansate ci hanno battuto”.

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Buffon, bufera Juventus – Affermazioni decisamente forti, ma che la Juventus ha smentito pochi minuti fa attraverso una nota ufficiale pubblicata sul proprio sito web: “dopo verifiche interne si comunica che quanto scrive oggi la Gazzetta dello Sport nell’articolo dal titolo” E Buffon alza di nuovo la voce…” è falso e ha l’unico obiettivo di alimentare un pregiudizio denigratorio nei confronti della Juventus, dei suoi tesserati e dei suoi tifosi. Polemica placata. Forse.

Buffon, bufera Juventus – Alla nota della Juventus ha fatto seguito la risposta della Gazzetta delo Sport, ecco il testo integrale: la Gazzetta dello Sport conferma in toto la veridicità dell’articolo pubblicato oggi a proposito del discorso pronunciato da Buffon nello spogliatoio della Juventus In quanto al verbo “scansarsi” che ha generato molte reazioni, era usato esclusivamente per fare riferimento alla scarsa convinzione di vittoria da parte di altre squadre quando queste affrontano la Juve, a causa di una superiorità dei bianconeri che spesso viene inconsciamente riconosciuta dagli avversari”. Polemica tutt’altro che chiusa.