Martedi 6 Dicembre

Boxe – Zero umiltà e un assegnone dal 100 mln, Mayweather: “voi affittate charter, io possiedo jet”

Turbato da qualche critica di troppo, Mayweather si è ‘vendicato’ su Instagram postando la foto di un assegno da 100 milioni di dollari

Umiltà? Poca. Spavalderia? Da vendere. Oltre che sul ring, Floyd Mayweather resta imbattuto anche nella speciale categoria degli sbruffoni, a maggior ragione dopo il post pubblicato ieri sul proprio profilo Instagram. Il pugile americano, ritiratosi da imbattuto dopo la vittoria su Pacquiao nel maggio 2015, ha postato la foto di un assegno da 100 milioni di dollari per vendicarsi di alcune accuse pervenutegli da imprecisati ‘invidiosi’. A spiegare il motivo del gesto è lo stesso Mayweather con una didascalia:

Mi fanno divertire quei tizi abituati a sedersi sui sedili posteriori, così preoccupati dell’eredità lasciata dagli altri, invece di pensare alla propria – scrive Mayweather – questo è solo uno dei miei molti assegni, un bell’assegnone da 100.000.000 del quale ho ancora fino all’ultimo centesimo. Voi avete ancora da lavorare, io sono felicemente in pensione. Alla fine della giornata mi interessano solo i bigliettoni da cento, quindi peggio per voi. Ho fatto dei buoni investimenti, e mi spiace per quelli che pensano che io non sappia scrivere, leggere o contare. Voi li chiamate orologi, io li chiamo preziosi. Voi le chiamate barche, io li chiamo yacht. Voi le chiamate case, io le chiamo magioni. Voi affittate i charter, io possiedo jet”.