Venerdi 9 Dicembre

Allenare corpo e mente ai piedi del Monte Bianco: a Courmayeur “Yoga con Alberto Milani”

Alberto Milani, insegnante di yoga certificato e boulder professionista, sarà protagonista sabato 9 dicembre di un seminario dedicato a yoga e sport di montagna, nella splendida location della Casa delle Guide di Courmayeur

È dedicato a chi vive la montagna a piedi, sugli sci, in cordata o in parete, immerso in paesaggi che innalzano lo spirito, il Seminario di Yoga in programma a Courmayeur sabato 9 dicembre tenuto da Alberto Milani. L’incontro sarà incentrato sulle connessioni esistenti tra lo yoga e gli sport di montagna, praticabili in estate e in inverno: l’occasione per migliorare la consapevolezza di noi stessi e recuperare il benessere psicofisico in un contesto naturale meraviglioso, davanti alle vette del Monte Bianco.

A fare da cornice, la storica sede della Società delle Guide Alpine e del Museo Duca degli Abruzzi, dove ogni oggetto e fotografia racconta la storia di queste montagne.

Dalle 14.00 alle 17.30 il maestro guiderà i partecipanti alla scoperta delle migliori tecniche di stretching e di respirazione e delle posture più adatte all’arrampicata e allo sci, senza dimenticare gli aspetti della meditazione e della filosofia dello yoga.

Insegnante di yoga riconosciuto a livello nazionale (CSEN) e internazionale (RYT200) e boulder professionista, alpinista e climber, ricercatore in ingegneria dei materiali e docente al Politecnico di Milano, Milani è un punto di riferimento nel mondo dello yoga applicato allo sport.

Il seminario è aperto a tutti, principianti ed esperti praticanti, per chi vuole utilizzare lo yoga per diventare uno sportivo migliore oppure per chi cerca di dare un senso più profondo alla propria attività.

Al termine del seminario, alle ore 18.00, Alberto Milani presenterà al pubblico il suo libro “YOGARRAMPICATA”, ed. Versante sud, con la collaborazione della giornalista televisiva Francesca Senette: un manuale che esplora il legame tra queste due discipline, lo yoga e l’arrampicata, valorizzando le tecniche yogiche più adatte ai climbers. Perché secondo Milani “anche l’arrampicata, vissuta con un approccio adeguato, può diventare una forma di yoga”.