Giovedi 8 Dicembre

Volley: Totire presenta il Club Italia in vista dell’esordio di domani

Alla vigilia dell’esordio Totire presenta il nuovo Club Italia maschile

Ricomincia l’avventura in A2 del Club Italia maschile, che anche quest’anno sarà guidato da Michele Totire. L’obiettivo della giovanissima squadra federale è quello di crescere dal punto di vista tecnico e fisico, acquisire importanti esperienze di campo, far bella figura in un torneo che si annuncia anche quest’anno piuttosto interessante ed equilibrato.

totireSarà ancora una volta una bellissima avventura – ha detto Totire alla vigilia dell’esordio di domani a Siena contro la Emma Villas – vivremo questo nostro secondo campionato in A2 con una squadra diversa, più giovane rispetto allo scorso anno. Abbiamo solo quattro confermati e questo metterà me e lo staff nella condizione di lavorare insieme ad un gruppo con il quale ripartire da zero e che dovrà imparare tanto. Le condizioni sono cambiate rispetto allo scorso anno, per costituire il roster abbiamo puntato su centimetri e talento, è una squadra che guarda al futuro e che in questa fase iniziale farà fatica a fare grandi cose”,

totireIl tecnico spiega meglio cosa intende: “diciamo che è cambiato il focus, l’obiettivo della nostra stessa mission. Dopo il meraviglioso argento di Rio ci apprestiamo ad affrontare un nuovo quadriennio olimpico ed è nostro dovere cercare ragazzi di prospettiva che possano crescere, maturare esperienze e magari essere tra i prossimi convocati da qui a Tokyo; mai come ora l’obiettivo del progetto Club Italia è quello di perseguire risultati tecnici”.
Che campionato sarà quello di A2? “Sarà un torneo strano, con una formula rivisitata che a me piace e che riserverà delle sorprese. Sono convinto che sarà fondamentale la programmazione fisica e tecnica, durante il corso delle giornate sarà importante sapersi gestire. Dopo essere tornati ad avere nuovamente un massimo campionato di primissima qualità spero che anche il nostro possa riconquistare livelli qualitativi degni di nota; penso che il nostro movimento abbia passato la fase più critica, ma soprattutto mi auguro che i nostri giovani continuino ad avere sempre maggiore spazio come credo meritino”.