Venerdi 9 Dicembre

Tennis, Jelena Jankovic si confessa: “quell’infortunio scambiato per un tumore, l’inzio di un anno orribile”

LaPresse/Alfredo Falcone

Jelena Jankovic ha parlato del suo 2016 shock fra infortuni, errori medici e tanta tristezza

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Sembra intravedersi la luce in fondo al tunnel nel 2016 nero di Jelena Jankovic: la tennista ex numero uno al mondo è riuscita a vincere 3 match di fila per la prima volta a Guangzhou, prima di perdere la finale contro Lesia Tsurenko. Jelena Jankovic ha confessato in una recente intervista  di aver passato un anno terribile e di essere ben lontana dalla sua forma migliore. Dopo il doppio infortunio alla spalla, scambiato inizialmente per un tumore alla tiroide, il 2016 della tennista è sprofondato in una spirale di dolore, tristezza e infortuni, dalla quale è stato difficile uscire.

Lapresse/XinHua

Lapresse/XinHua

È stato un anno duro perché mi sono rotta due volte la spalla e non è stato facile per me tornare e sentirmi a mio agio sul campo, perché avevo perso forza muscolare ovunque  – ha detto Jelena Jankovic a Yellow Ball Corner Non potevo fare nulla perché quel muscolo è importante per fare ogni cosa. Sono ancora lontana dal mio miglior livello ma in questo momento sono contenta di essere tornata in campo e di giocare. Ho saltato tanti tornei, e quelli che ho giocato sono arrivati troppo presto perché volevo soltanto essere lì, volevo solo giocare anche se non ero pronta. Non volevo rinunciare al Roland Garros quindi sono arrivata lì senza grandi aspettative, ero al 20%. Poi ho saltato le Olimpiadi, i tornei sul cemento e sono arrivata agli US Open fragile, quasi spaventata, dubbiosa, tentennavo. Avevo paura di inforturnarmi nuovamente. Non sto giocando libera, eppure le ultime due settimane sono quelle in cui ho giocato di più. È bello giocare e lottare. Non mi è di certo piaciuto stare dal dottore, fare riabilitazione e terapie. È stata questa la parte difficile. Ora anche se perdo sono contenta perché sono in salute”.