Martedi 6 Dicembre

Santon, veleno su Mancini: “io, la sua 5a scelta. Così in un derby in cui mi mandò al massacro”

LaPresse/Spada

Santon, terzino dell’Inter, torna a parlare del suo rapporto con Mancini: parole al veleno contro il suo ex allenatore

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Santon, veleno su Mancini – “Mi sento rinato. E’ stata un’estate dura: c’era Mancini, che mi considerava la quarta, quinta scelta, e avevamo scelto di prendere strade diverse per far sì che non perdessi un anno. Così non è stato e si vede che il mio destino prevedeva che restassi qui. La storia poi la conoscete: è arrivato de Boer che mi ha dato fiducia e ho ricominciato a giocare. Però ce ne ho messo pure del mio, perché non ho mai mollato”. Un’estate con le valigie in mano, quella Davide Santon. Valigie poi sempre disfatte. Perché nel presente del futuro del terzino c’è ancora l’Inter.

LaPresse/Fabio Urbini

LaPresse/Fabio Urbini

Santon, veleno su Mancini – A differenza di Mancini. Nel corso di un’intervista rilasciata a TuttoSport, Santon punta il dito contro l’ex allenatore dell’Inter: “nel derby Mancini mi ha un po’ mandato al massacro: non giocavo da quattro mesi, mi ha spedito in campo senza che me lo aspettassi quando non ero pronto per giocare né mentalmente né fisicamente. Quando è arrivato de Boer, mi ha subito parlato. Sapeva che avevo affrontato un’estate difficile, che avevo bisogno di allenarmi e di tempo per tornare al 100%. Mi ha detto che aveva intenzione di schierarmi titolare e così è stato. Per un giocatore è importante sentire la fiducia del suo allenatore”.