Lunedi 5 Dicembre

Più Mihajlovic per tutti: la lezione di Sinisa per un calcio (e una vita) migliore

LaPresse/Spada

Mihajlovic in conferenza stampa risponde con una verità che il mondo del calcio attuale ha dimenticato troppo velocemente

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

La lezione di Mihajlovic – Schietto, diretto. Chi lo conosce giura che con il passare degli anni questo aspetto del suo carattere non si sia modificato nemmeno di una virgola: Sinisa Mihajlovic è sempre stato così, da giocatore prima, da allenatore poi. Per lui che da giovanissimo ha conosciuto gli orrori della guerra, la distruzione delle bombe e tutto ciò che di tragico un conflitto lascia in eredità, un calciatore non può non rientrare nella categoria dei privilegiati.

LaPresse/Fabio Urbini

LaPresse/Fabio Urbini

La lezione di Mihajlovic – Dirlo però in conferenza stampa, davanti a gli occhi di giocatori e avversari, è un messaggio che un mondo del calcio sempre più isterico e lontano dalla realtà che si vive ogni giorno lontano dai campi, dovrebbe far suo. “Se non è facile per Benassi essere il capitano del Torino? Non è facile alzarsi ogni mattina alle 4 e andare a lavorare dalle 6 per tutta la giornata e magari non arrivare con lo stipendio a fine mese. Benassi ha 22 anni e deve ritenersi orgoglioso e fortunato come lo siamo tutti noi che facciamo parte di questo mondo”. Messaggio chiaro, esempio solo da raccogliere: più Sinisa per un calcio migliore, il nostro augurio non può che essere questo.