Sabato 3 Dicembre

Pallanuoto, Tempesti apre a Tokyo 2020: “mai dire mai, e se mi fanno portabandiera…”

Dopo l’addio alla Nazionale, Stefano Tempesti apre alla possibilità di partecipare a Tokyo 2020, ma ad alcune condizioni…

Se mi danno adesso la garanzia che faccio il ‘portabandiera’ posso farci un pensiero. Scherzi a parte, fare la sesta Olimpiade sarebbe qualcosa di impensabile. Comunque, mai dire mai nella vita.

LaPresse/Gian Mattia D'Alberto

LaPresse/Gian Mattia D’Alberto

Il percorso è lunghissimo, mancano 4 anni. Ho dato l’addio alla nazionale ma, nella vita, non si sa mai cosa può succedere“. Lo dichiara il portiere della nazionale di pallanuoto Stefano Tempesti, in merito alla sua presenza alle Olimpiadi di Tokyo 2020.Innanzitutto, devo continuare a fare il pallanuotista per altri 4 anni e arrivare a 41 anni a fare il pallanuotista ad alti livelli. Una volta che ci troveremo lì, penseremo a valutare tutte le opzioni“, continua Tempesti, a margine dell’inaugurazione del nuovo campo da basket ricavato dal padiglione di Coca-Cola, realizzato per Expo, al parco Robinson, a Milano. “Per ora penso a giocare nel club e vivo con serenità questi momenti perchè ho tanto entusiasmo e tanto ancora da dare a questo sport, sia in termini di gioco che di esperienza. Vediamo cosa succederà in futuro“. (ITALPRESS).