Domenica 4 Dicembre

Nel mondo di Buffon: “io, pazzo e masochista! Inter e Milan? E’ quello che ci meritiamo. Sugli errori…”

LaPresse/Daniele Badolato

Buffon racconta il suo mondo e non risparmia stoccata agli avversari: “scuse? Ridicole!”. Poi lancia Donnarumma: “può fare la storia”

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Nel mondo di Buffon – “Racconto un aneddoto che le fa capire come vivo certe situazioni, con la pazzia che non mi abbandona mai: sabato vincevamo 2-1 con l’Udinese e a 15 minuti dalla fine si avvicina Perica e mi dice: ‘Ti faccio gol’. Io gli rispondo: ‘Guarda che me lo stanno facendo tutti, se vuoi far notizia non segnare!’. E mentre lo dicevo, ridevo come uno scemo. E pensavo: meno male che sono così e mi aggrappo alla follia per uscire da certi momenti”, in Gigi veritas. Allacciate le cinture, Buffon ci porta nel suo mondo. Il mondo del portiere più forte della storia!

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Nel mondo di Buffon – “L’errore è qualcosa che mi provoca uno choc: non sono abituato, capita e faccio fatica ad accettarlo. Sono molto autocritico, continuo a darmi scudisciate psicologiche e morali per tanti giorni: da me non accetto certi errori. A costo di essere masochista, le critiche mi piacciono e mi stimolano. Se non le accettassi, dovrei smettere di lavorare. Mi stizzisco quando toccano certi argomenti: ho 22 anni di carriera alle spalle, penso di aver dimostrato qualcosa”, le parole di Buffon rilasciate al Corriere della Sera e riportate da CalcioMercato.com

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Nel mondo di Buffon – Buffon parla poi del suo futuro e lancia una stoccata alla inseguitrici. “la vera anti Juve è la Juve? Qui c’è il gioco di non prendersi responsabilità, di dire che il favorito è l’altro, per il budget, il fatturato, eccetera: lo trovo ridicolo. Futuro? Un ruolo di allenatore con la sua quotidianità non mi piacerebbe. Un ruolo da CT invece non lo escluderei a priori: mi rimarrebbero le emozioni del campo, ma anche un po’ di libertà per dedicarmi ad altre cose”.

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Nel mondo di Buffon – Buffon non vede di buon occhio l’arrivo dei cinesi: Inter e Milan in mano ai cinesi è la sconfitta del calcio italiano. Dell’Italia come Paese, delle tradizioni, di tutto: devi ritrovarti a ringraziarli e a dire grazie per essere venuti. Ma abbiamo ciò che meritiamo, siamo volubili. Donnarumma? Nonostante sia il triplo di me, Gigio è come se fosse un fratellino. È un ragazzo particolare, molto pacato: alla sua età io ero completamente diverso. È riflessivo, intelligente, ha delle qualità straordinarie. Ha tutto per fare la storia del ruolo”.