Domenica 4 Dicembre

Nba, Oklahoma sbarca in Europa per sfidare Barca e Real: Westbrook e CR7 si scambiano le maglie

Gli Oklahoma City Thunder sono in Spagna per affrontare Barca e Real, Westbrook ne ha approfittato per incontrare Cr7

Gli Oklahoma City Thunder sono attualmente in Spagna per giocare due partite di pre-season contro Real Madrid e FC Barcelona Lassa, in occasione degli NBA Global Games Europe 2016 presented by BBVA. Parte integrante del viaggio, è stata la visita di ieri allo stadio Santiago Bernabeu, dove i Thunder hanno assistito al pareggio per 1-1 tra Real Madrid CF ed Eibar. Il cinque volte NBA All-Star Russell Westbrook ha avuto l’opportunità di incontrare, al termine del match, la stella del Real Madrid, Cristiano Ronaldo, e di scambiare le rispettive maglie. Gli Oklahoma City Thunder affronteranno il Real Madrid questa sera al Barclaycard Center, e si trasferiranno quindi a Barcellona per giocare contro l’FC Barcelona Lassa il 5 ottobre.
Di seguito alcune dichiarazioni di Russell Westbrook in occasione degli NBA Global Games Europe 2016:
Cosa ti aspetti dalla stagione alle porte, con così tanti nuovi nomi nel roster?
“Giocare e divertirmi. La parte più importante nel basket è il divertimento.”
Quali sono gli obiettivi per OKC in questa stagione e le aspettative della squadra?
Vincere. Il maggior obiettivo è vincere il titolo ogni anno, ed è quello che cercherò di fare su entrambi i lati del campo. Devo essere leader ed aiutare la squadra a provare a vincere il titolo.”
Pensi che Oklahoma sia più forte in questa stagione?
Abbiamo molti centimetri, in diversi ruoli e con differenti stili di gioco, oltre a molti ragazzi internazionali. Non vedo l’ora di iniziare!”
Come vedi il tuo ruolo all’interno della squadra dopo gli addii di Kevin Durant e Serge Ibaka?
“Sarà certamente diverso. Kevin, Deon (Waiters) e Serge (Ibaka) mancheranno nella stessa maniera. Ci sono ragazzi nuovi e sono felice e pronto ad iniziare con loro una nuova stagione!”
Come vorresti che giocasse la squadra?
“Voglio che la squadra giochi come ha voglia di farlo. Non dipende da me il modo di giocare. Bisogna adattarsi allo stile di gioco di tutti i componenti del team, partita dopo partita. Qualche volta puoi voler giocare più veloce, altre volte più lento. Dipende dalla singola partita, dalla situazione, da chi c’è in campo.”