Mercoledi 7 Dicembre

MotoGp, Valentino Rossi ammette: “siamo un po’ preoccupati”

LaPresse/Alessandro La Rocca

Le sensazioni di Valentino Rossi al termine della prima giornata di prove libero del Gran Premio della Malesia

L’attesa è finalmente terminata e dopo qualche giorno di stop che ha permesso ai piloti di spostarsi e ambientarsi, si sono riaccesi nella notte italiana i motori della MotoGp.

Dopo la prima sessione di libere dominata dal neo campione del mondo Marc Marquez, il pilota Honda ha deciso di non scendere in pista per le FP2 a causa di un problema di gastroenterite. A stare davanti a tutti nelle FP2 è stato un sorprendente Jack Miller seguito da Crutchlow e Barberà.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Lontani i piloti Yamaha con Valentino Rossi in 13ª posizione e Lorenzo 16°: “il problema più grosso è che la pista ci mette tantissimo ad asciugarsi quindi questa mattina era quasi tutta asciutta ma rimangono delle pozzanghere di umido, bisogna guidare e allo stesso tempo stare molto attenti perchè è anche pericoloso quindi bisogna stare all’80% senza poter spingere al massimo“, ha dichiarato il campione di Tavullia ai microfoni di Sky Sport al termine dell

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

E’ un grande peccato perchè l’asfalto è molto bello e c’è un gran grip però qui piovendo tutti i giorni, ti puoi rovinare la giornata nel senso che nell’ora di pranzo ha piovuto e nel pomeriggio ci mette tantissimo ad asciugarsi. Nel secondo turno di prove abbiamo girato un po’ con le rain, alla fine volevo provare con una un po’ più dura davanti per vedere com’era, siamo un po’ preoccupati perchè poi ho fatto un giro con le slick e il feeling con la nostro moto quando l’asfalto si asciuga ma rimane ancora pezzato non è il massimo, dobbiamo lavorare un po’“, ha aggiunto il Dottore.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Le gomme non sono male sul bagnato, dipende da quanta acqua c’è, però come sempre avremo bisogno di una situazione chiara, o tutto bagnato o tutto asciutto perchè sennò con l’intermedio soffriamo un po’ troppo. La curva 15 invece è un po’ diversa, molto in contro pendenza, bisogna fare una linea un po’ differente rispetto all’anno scorso, però dai è bella, l’asfalto è bello, il fatto è che non si asciuga“, ha concluso.