Martedi 6 Dicembre

MotoGp, Marquez cauto: “non ho preso rischi, un piccolo errore sarebbe stato fatale”

LaPresse/EFE

Dopo la prima giornata di prove libere sul circuito di Phillip Island, Marc Marquez svela di non aver voluto correre rischi

Prima giornata di prove libere caratterizzata dalla pioggia sul circuito di Phillip Island, dove i piloti sono stati costretti a fare i conti con un meteo avverso che ha sconquassato il programma di questa prima giornata.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

Se le FP1 si sono concluse con il miglior tempo di Crutchlow, le FP2 invece sono state annullate dopo 15 minuti quando ormai la pioggia si era fatta davvero insistente. “Non sono contento perché questo è uno dei circuiti su cui è più divertente guidare sull’asciutto” commenta Marc Marquez dopo il venerdì di libere. “Dopo il bel weekend in Giappone, arrivare qui e dover guidare sul bagnato non è la maniera perfetta di cominciare il weekend, ma sembra che il clima possa migliorare nell’arco del weekend, quindi guardiamo a domenica, quando sembra che correremo sull’asciutto. Dobbiamo continuare a lavorare sul set-up, perché ci sono alcuni aspetti su cui non sono ancora troppo a mio agio. E’ anche vero che non mi sono preso troppi rischi, ma penso che non l’abbia fatto nessuno, perché su questa pista con il bagnato bisogna essere molto dolci, perché un piccolo errore può trasformarsi in un grande incidente. Non ho spinto al massimo, ma sicuramente possiamo migliorare il set-up“.