Venerdi 9 Dicembre

MotoGp, Lorenzo punge la Yamaha: “lo meriterei”

LaPresse/PA

Jorge Lorenzo e le sue sensazioni sulla gara di domenica, sull’esperienza in F1 e sui test con la Ducati negati

L’attesa è finalmente terminata! Dopo due settimane di pausa i campioni delle due ruote tornano a regalare spettacolo ai loro tifosi. I motori si accenderanno nella notte tra oggi e domani, per le prime due sessioni di prove libere, ma intanto i piloti incontrano i loro fan e la stampa a Motegi, in vista del Gran Premio del Giappone di domenica.

LaPresse/Alessandro La Rocca

LaPresse/Alessandro La Rocca

Carico e pronto a dare il meglio di sè il campione del mondo in carica: “ho avuto una bella reazione e ora arriviamo su piste che possono adattarsi bene sia alla Yamaha che al mio stile di guida, specialmente questa pista, dove c’è parecchia accelerazione ed è positiva per il nostro pacchetto, vedremo come andremo, se saremo competitivi come gli ultimi anni dovremmo andare bene“, ha spiegato in conferenza stampa Jorge Lorenzo.

Alessandro La Rocca/LaPresse

Alessandro La Rocca/LaPresse

E’ dura, ma mi piace stare sulla moto e quando fai una gara e la gara successiva è nei giorni seguenti di solito i muscoli sono già più pronti quindi dovrebbe essere una serie di tre gare molto bella“, ha aggiunto il maiorchino sulla serie di tre gare consecutive che dovranno affrontare i campioni della MotoGp.

Costanza Benvenuti/LaPresse

Costanza Benvenuti/LaPresse

Teoricamente quella di Motegi è una pista della Honda, non solo perchè è di loro proprietà ma anche perchè per i tornati e le curve lente dovrebbero adattarsi meglio ad una moto molto agile come la loro, ma negli ultimi anni siamo riusciti a migliorare l’accelerazione ed è stato positivo per me, l’anno scorso sono riuscito a dominare tutte le libere anche con una spalla infortunata, ma quest’anno con le Michelin dobbiamo ancora vedere come andrà“, ha spiegato il pilota Yamaha che ha poi raccontato la sua esperienza con una F1: “fantastica, è stato bellissimo poter provare la macchina migliore del momento, una Mercedes anche se è una macchina vecchia di due anni, poter dire di aver provato sia la miglior moto del mondo in motogp sia la migliore F1 è una cosa riservata a pochi, è un’esperienza che era uno dei miei sogni, potenza incredibile, c’è un carico aerodinamico che ti fa sentire qualcosa di speciale nella macchina. C’è tantissima tecnologia, molti soldi e tantissima gente, non penso che possiamo replicare tutto ciò al momento anche se il nostro campionato sta crescendo molto negli ultimi anni. Sicuramente avrei un vantaggio notevole su tutti se avessi una macchina di f1 domenica, ma non sarà possibile e cercheremo di vincere comunque con la Yamaha“.

LaPresse/Costanza Benvenuti

LaPresse/Costanza Benvenuti

Impossibile infine non parlare dell’autorizzazione non data dalla Yamaha al suo pilota per testare la Ducati a Jerez: “mi sarebbe piaciuto testare la Ducati a Jerez, ma non dipende da me, per il momento sembra che potrò farlo solo a Valencia anche se ancora non ho l’autorizzazione, per Jerez sembra che la Yamaha non sia tanto incline, quindi vedremo cosa accadrà. Credo che per tutti gli anni che abbiamo trascorso insieme lo meriterei, con tutte le cose che abbiamo vissuto insieme ma non dipende da me e rispetto qualsiasi decisione presa dalla Yamaha perchè sono un pilota Yamaha“, ha ammesso il maiorchino.