Sabato 3 Dicembre

MotoGp, Jorge Lorenzo ammette: “sono deluso, ecco qual è il problema”

LaPresse/PA

Le sensazioni di Jorge Lorenzo al termine della gara di Motegi: il maiorchino non nasconde la delusione

Tante emozioni oggi a Motegi. Le possibilità che Marquez potesse festeggiare in Giappone in anticipo la vittoria del Mondiale erano davvero poche e complicate, ma è successo l’imprevedibile e il campione di Cervera ce l’ha fatta. Le cadute prima di Valentino Rossi e poi di Jorge Lorenzo hanno permesso al pilota della Honda di conquistare il suo quinto titolo Mondiale.

LaPresse/Costanza Benvenuti

LaPresse/Costanza Benvenuti

Marquez ha tagliato per primo il traguardo del Gran Premio del Giappone, seguito da Dovizioso e Vinales. Delusione in casa Yamaha per il doppio zero portato a casa. Come Valentino Rossi, nemmeno Jorge Lorenzo nasconde la sua amarezza: “sto bene, l’incidente non ha peggiorato le mie condizioni. Questo non è un problema, il problema è che non ho finito la gara e sono molto deluso per questo. E’ un peccato perché ho perso una grande opportunità per salire secondo nel Mondiale“, ha spiegato il maiorchino come riportato su motorsport.com.

LaPresse/EXPA

LaPresse/EXPA

Sono deluso anche perché penso che abbiamo fatto la scelta sbagliata per quanto riguarda la gomma anteriore. Abbiamo montato la media, ma credo che con la soft avrei potuto fare qualcosa di meglio e magari lottare con Marquez per la vittoria. Se ad Aragon avevamo fatto la scelta giusta e fatto una grande gara, qui è successo il contrario: abbiamo sbagliato la gomma davanti ed io ho commesso un errore a spingere troppo in quella curva e sono caduto“, ha aggiunto Lorenzo nella sua analisi di gara.

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

E’ stato un peccato, perché qui avevamo una grande occasione per lottare per la vittoria. L’incidente però mi ha reso più complicata la possibilità di mantenere un buon ritmo in gara, perché ero ancora dolorante. Poi c’è stato l’errore nella scelta della gomma davanti, quindi abbiamo perso una grande opportunità“, ha concluso.