Mercoledi 7 Dicembre

MotoGp, Crutchlow e quelle doti da… veggente: “sapevo già da ieri di poter vincere”

La nascita della figlia ha cambiato radicalmente le prestazioni di Cal Crutchlow, giunto già alla sua seconda vittoria stagionale

Sembra di essere a Brno, invece lo scenario è quello di Phillip Island. Il filo conduttore è uno solo, la vittoria di Cal Crutchlow che, al suo 101° Gp si mette in tasca il secondo successo in carriera, regalando alla Honda un sorriso dopo la caduta di Marc Marquez.

LaPresse/Costanza Benvenuti

LaPresse/Costanza Benvenuti

Il pilota spagnolo, infatti, si stende a metà gara e lascia strada libera al rider del team di Lucio Cecchinello, abile a fare il vuoto dietro di sé non lasciando scampo ai suoi avversari. “Abbiamo fatto un lavoro ottimo – commenta Crutchlow ai microfoni di Sky Sportsapevo già da ieri di poter essere competitivo. Durante la gara ho visto che andavo bene, gli unici problemi li ho avuto con la gomma davanti che nel finale si deteriorava molto velocemente. Ho vinto sul bagnato e sull’asciutto, quindi sono davvero contento per questo. Sono più fiducioso, non c’è una grossa differenza rispetto al passato, semplicemente ho imparato a guidare meglio la moto. Mi sentivo bene e, quando succede, so di essere forte. Sono felicissimo del lavoro fatto e sono convinto che in Malesia andremo abbastanza forte. La nascita di mia figlia? Mi sento diverso, son più rilassato come pilota e persona, quando hai un figlio cambia tutto. Ero egoista ma adesso penso più a lei. Mi spinege a guidare bene per regalarle una bella vita“.