Sabato 3 Dicembre

Mondiali ciclismo, domani l’ultimo atto: Nizzolo e Viviani a caccia di un successo mondiale

Domani l’ultima gara dei Mondiali di ciclismo di Doha 2016: scendono in strada gli uomini elite

Temperature che superano i 40 gradi, vento del deserto che brucia gli occhi, malori temuti più delle cadute. I Mondiali di Doha si concludono domani con la prova regina, quella in linea per uomini elite, dove i professionisti del pedale andranno a caccia di quella maglia iridata che indosseranno per tutta la prossima stagione.

Saranno 257,5 i chilometri complessivi da percorrere ma, più della durata della gara, fa paura il clima, che rende difficile anche ipotizzare che tipo di corsa verrà fuori. Perchè, se è vero che il tracciato non presenta difficoltà altimetriche, sarà importante gestire le energie per non arrivare alle fasi calde con la lingua di fuori e senza la lucidità necessaria. Nonostante tutto, sono i velocisti i grandi favoriti di questa kermesse iridata.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

In prima fila, ci sono lo slovacco e campione uscente Peter Sagan, il colombiano Fernando Gaviria, il britannico Mark Cavendish, il francese Arnaud Demare, ‘re’ dell’ultima Sanremo, il belga Tom Boonen, l’australiano Caleb Ewan, il norvegese Edvald Boasson Hagen, ed i tedeschi Andrè Greipel e Marcel Kittel.

E l’Italbici? Il ct Davide Cassani ha disegnato la squadra azzurra per le due punte, il tricolore Giacomo Nizzolo e l’olimpionico di Rio su pista Elia Viviani, ma allo sprint sanno dire la loro con autorità anche elementi come Daniele Bennati, Sonny Colbrelli e Matteo Trentin. Destinati al lavoro duro durante tutta la giornata sono Daniel Oss, Manuel Quinziato, Jacopo Guarnieri e Fabio Sabatini, che tutti insieme formano un ‘treno’ in grado di pilotare il capitano di turno fino alla vittoria.

elisa balsamoIl ciclismo azzurro, a Doha, ha finora vinto tre medaglie: l’oro tra le juniores di Elisa Balsamo, l’argento nella cronometro donne junior di Lisa Morzenti ed il bronzo nella prova in linea per under 23 di Jakub Mareczko. Nella prova su strada per professionisti, l’Italbici vanta un totale di 55 podi (19 ori, 20 argenti e 16 bronzi), e nella classifica per nazioni è dietro solo al Belgio (48 medaglie: 26, 11, 11). L’ultimo azzurro ad aver vinto una maglia iridata è stato Alessandro Ballan a Varese2008. (ITALPRESS).