Giovedi 8 Dicembre

Higuain, tutta l’amarezza del Pipita: “ho diritto di vivere anch’io! Critiche? Soffro per mia mamma”

LaPresse/Daniele Badolato

Higuain si sfoga per le troppe critiche ricevute in Nazionale e ammette: “ci sono cose importanti anche oltre il calcio”

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Higuain, che sfogo! –Sono un giocatore di calcio, ma sono anche una persona. Ho lo stesso diritto di vivere, di soffrire. Il calcio è la mia vita, ma ci sono anche altre cose importanti. Però la gente ha voce in capitolo, è libera di insultare, criticare. Ci sarà sempre qualcuno che non mi ama o non mi ammira. Io non gioco a calcio per piacere a tutti. Se sono felici insultandomi, va tutto bene. Sono stato molto male, ma guardo avanti, ho ancora una lunga carriera. Sento ancora un profondo amore per il calcio e il giorno che non lo sentirò più smetterò di giocare”, Gonzalo Higuain si sfoga come mai aveva fatto prima.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Higuain, che sfogo! – Nel corso di un’intervista rilasciata a TyCSports, l’attaccante della Juventus non nasconde l’amarezza per le critiche ricevuto dopo la sconfitta nella finale di Coppa America con l’Argentina: “A volte non so perché arriviamo alla finale, se poi ci arriviamo e inoltre ci uccidono. Vedere mia mamma stare male mi uccide. Voi direte ‘Perché?’. Non se lo merita per tutto quello che ha fatto e combattuto per me. A volte dico: ‘Mamma non voglio che tu soffra più’. Ma è così. Ciò che rimane è continuare, combattere”.