Sabato 3 Dicembre

Giro d’Italia 2017 – Simoni svela: “ecco chi sono i favoriti per la maglia rosa”

LaPresse/Piero Cruciatti

Gilberto Simoni ha candidato Fabio Aru, Vincenzo Nibali ed Esteban Chaves alla vittoria finale del Giro d’Italia. Ma occhio a Contador

Svelato il Giro d’Italia 2017 adesso tocca ai corridori far diventare storica la centesima edizione della corsa in rosa. Un Giro d’Italia che tocca quasi tutte le regioni italiane e che vedrà i ciclisti impegnati a scalare salite epiche come lo Stelvio, il Mortirolo, l’Oropa, il Blockhaus e il Piancavallo; tapponi dolomitici e il passaggio sul versante più duro sull’Etna. Si prospetta un Giro d’Italia molto duro e molto difficile da percorrere e quindi di conseguenza, tutte le squadre dovranno attrezzarsi al meglio per evitare che la fatica prenda il sopravvento. La preparazione sarà una delle chiavi principali per affrontare questa edizione del Giro.

LaPresse\ MARCO LUSSOSO

LaPresse\ MARCO LUSSOSO

Gilberto Simoni è uno che di Giri d’Italia ne ha affrontati parecchi. Il trentino ha vinto due Giri d’Italia nel 2001 e nel 2003 ed è salito sul podio in altre 5 edizioni. Conosce bene quindi le altimetrie italiche e soprattutto cosa significa fare un Giro d’Italia. “Magari avessero fatto un Giro d’Italia così quando correvo io! Avrei dormito tra due guanciali, come un angiolettoha dichiarato Simoni come riportato su L’Adige -. Penso che con questo disegno non ci sia molto spazio per attendismi e tattiche ogni tappa avrà una sua storia e senz’altro incoronerà un corridore di grande spessore”. 

LAPRESSE/MARCO LUSSOSO

LAPRESSE/MARCO LUSSOSO

I favoriti di questo Giro del Centenario sono sicuramente Nibali e Aru. I due ex compagni di squadra daranno spettacolo lungo il percorso regalando al pubblico nelle strade emozioni uniche. Per Simoni non ci sono solo i due italiani, ma anche Esteban Chaves e Alberto Contador.Penso che il colombiano sarà lo spartiacque tra i due e dovrà essere preso con le molle. L’anno scorso è arrivato secondo ma probabilmente ha pagato la pressione delle prime posizioni. Indossare la maglia rosa, come gli è capitato nel finale del Giro, non è semplice: bisogna avere esperienza, restare freddi nei momenti difficili e avere la lucidità di scegliere sempre la strategia giusta in gara” – ha proseguito Simoni. – Contador animerebbe le tappe con la sua inventiva e la sua indole di attaccante. E comunque sarebbe un avversario da non sottovalutare mai. Certo, oggi come oggi penso che Aru, Nibali e Chavez abbiano qualche cosa i più da poter spendere nelle fasi cruciali della corsa.