Domenica 4 Dicembre

Giro d’Italia 2017, il commento di Ulissi: “percorso impegnativo, ecco cosa bisogna fare”

LaPresse/Belen Sivori

Il Giro d’Italia l’edizione numero cento della corsa in rosa sarà molto dura e coinvolgente. Ecco le impressioni di Diego Ulissi

LaPresse/Piero Cruciatti

LaPresse/Piero Cruciatti

Svelato il Giro d’Italia 2017 adesso tocca ai corridori far diventare la centesima edizione della corsa in rosa storica. Un Giro d’Italia che tocca quasi tutte le regioni italiane e che vedrà i ciclisti impegnate a scalare salite epiche come lo Stelvio, il Mortirolo, l’Oropa, il Blockhaus e il Piancavallo; tapponi dolomitici e il passaggio sul versante più duro sull’Etna e all’arrivo a Peschici. Si prospetta un Giro d’Italia molto duro e molto difficile da percorrere e quindi di conseguenza, tutte le squadre dovranno attrezzarsi al meglio per evitare che la fatica prenda il sopravvento. La preparazione sarà una delle chiavi principali per affrontare questa edizione del Giro. Per Diego Ulissi sarà un banco di prova molto intenso. Il corridore della Lampre Merida (futura Lampre Tj Sport) può vincere delle tappe di media montagna e può dire la sua in chiave podio.

LaPresse/Belen Sivori

LaPresse/Belen Sivori

Percorso molto bello e impegnativo. Sin dalle prime tappe sono insidiose e veramente impegnative. Bisognerà arrivare subito in grande condizione – ha dichiarato Diego Ulissi come riportato nell’intervista video a Cycling Pro Net -. Per quanto mi riguarda, ci sono molte tappe di media montagna dove cercare di vittorie di tappa. Già nei primi 9 giorni ci sono 2\3 tappe molto belle come l’arrivo a Peschici e dovremmo arrivare già pronti”.