Martedi 6 Dicembre

Giro di Lombardia: vittoria storica in volata per Chaves, straordinario Diego Rosa

LaPresse/EFE

Quante emozioni al Giro di Lombardia! Vittoria storica per Esteban Chaves, fantastico Diego Rosa

Si è appena concluso il Giro del Lombardia, l’ultima tappa dell’Uci World Tour con partenza da Como e arrivo a Bergamo. Una gara appassionante la 110ima edizione della Classicissima delle Foglie Morte con un super Diego Rosa a rendere tutto più emozionante, sempre all’inseguimento dei colombiani.

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Una gara durissima, che così dura non si è mai vista: un percorso molto selettivo (4.400 m di dislivello), con due salite inedite nelle fasi finali della corsa. Partenza da Como per affrontare una prima parte classica che culmina (dopo Cantù, Erba, Asso e Onno) con la scalata del Ghisallo da Bellagio. Si tratta di un passaggio tradizionale con pendenze al 14%. Si prosegue, superando Asso, Pusiano e Oggiono prima di scalare Colle Brianza e attraversare l’Alta Brianza e il Meratese per entrare in Provincia di Bergamo a Calusco d’Adda.

A Torre de Busi inizia la salita di Valcava (9,6 km al 9%, max 17% – m 1336) su strada di montagna con 14 tornanti. Discesa impegnativa (anche con pendenze importanti) su Costa Valle Imagna per proseguire su Ponte Giurino (secondo rifornimento fisso) e scalare l’inedita salita di Sant’Antonio Abbandonato che sara’ seguita dalla salita di Miragolo San Salvatore (anch’essa inedita). Entrambe presentano pendenze importanti, carreggiata ristretta e tracciato impegnativo. Dopo una breve discesa, salita pedalabile fino a Selvino cui segue una lunga discesa intervallata da tornanti e 9 km di avvicinamento al classico passaggio della Città Alta di Bergamo fino al traguardo del Sentierone. Ultimi chilometri attraverso Bergamo Alta salendo alla Porta Garibaldi e poi (con 200 m in acciottolato) a Largo Colle Aperto. Nella prima parte le pendenze sono sempre sopra il 10% (max 12%). In discesa la carreggiata e’ larga su fondo liscio. Ai 1800 m dall’arrivo svolta secca con breve strettoia per il superamento della Porta Sant’Agostino. Dopo l’ultimo chilometro svolta a sinistra e ai 250 m ultima curva verso destra che conduce all’arrivo.

A trionfare a Bergamo è stato il colombiano Esteban Chaves che trionfa dopo una bellissima ed appassionante volata con Diego Rosa e Uran.

Una vittoria storica, la prima di un corridore non europeo. Straordinario il piemontese dell’Astana che deve accontentarsi del secondo posto.