Domenica 4 Dicembre

F1, le parole dei protagonisti del Gp degli Stati Uniti sul podio di Austin: che show Ricciardo

Sorrisi, ringraziamenti e tante risate sul podio di Austin: ecco le prime parole dei protagonisti del Gran Premio degli Stati Uniti

E’ appena terminato il Gran Premio degli Stati Uniti. A trionfare ad Austin è stato un eccellente Lewis Hamilton alla sua 50ª vittoria in carriera, seguito da Nico Rosberg e Daniel Ricciardo.

Una gara in un primo momento piatta e monotona ma resa poi più emozionante grazie agli errori e dai ritiri di Verstappen e Raikkonen.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Felici e sorridenti i primi tre classificati: “come state ragazzi? Che pubblico incredibile abbiamo qui, siete voi a rendere questa gara così speciale, grazie mille per essere venuti! Mi sento bene, è sempre stato un buon terreno da caccia per me, è sempre bello qui, mi sento a casa, grazie a tutti quanti il team ha fatto un ottimo lavoro questo week end. Continuo a fare il mio meglio, Nico ha fatto una grande prestazione qui quindi la battaglia continuerà”, ha dichiarato il vincitore Lewis Hamilton, intervistato dall’attore Gerard Butler.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Ho perso parecchio terreno in partenza, ho dato tutto per recuperare, il secondo posto va bene, ho limitato i danni, volevo vincere qua in america, sarebbe stato fantastico. Ho spinto al massimo dall’inizio alla fine“, ha aggiunto Rosberg.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Rapidamente, ho sentito che il signor Butler non beve alcol e questo lo rispetto ma credo che potrà bere un po’ di Red Bull dalla mia scarpa, la gara non è stata entusiasmante e credo che dobbiamo regalare un po’ di spettacolo alla gente“, ha dichiarato Ricciardo che ha fatto provare lo shoey all’attore. “Grazie mille per questo, è stata una bella dimostrazione da parte tua. La partenza è stata più o meno come avevo pianificato, è stata ok, volevo superare entrambe le mercedes nei miei piani ma ho superato solo nico che è stato positivo, poi con la virtual safety car è stato un po’ frustrante nico mi ha superato, ma va bene così“, ha concluso l’australiano.