Venerdi 9 Dicembre

F1, Hamilton spiega: “ecco cosa farei se dovesse vincere Rosberg”

LaPresse/Photo4

Lewis Hamilton, il problema al piede e il Mondiale ancora aperto: il britannico racconta le sue sensazioni in conferenza stampa ad Austin

Si scaldano i motori ad Austin, i team di Formula 1 si preparano per il week-end americano dove Rosberg ed Hamilton continueranno il loro duello per conquistare il titolo mondiale. La Ferrari, dal canto suo, arriva negli Usa per provare a centrare la prima vittoria stagionale, obiettivo minimo per questo 2016.

hamilton ellenOggi i campioni delle quattro ruote hanno incontrato la stampa e hanno raccontato le loro impressioni in conferenza. Occhi puntati su Lewis Hamilton, sereno e sempre col suo telefonino in mano per aggiornare i suoi fan. Il campione del mondo in carica ha parlato in un primo momento della sua esperienza ieri al programma televisivo americano “Ellen Show” e della creazione del suo personaggio per il videogioco Call of Duty: “è stata una grande fortuna essere ospite dello show di Ellen, una bella opportunità per raggiungere un pubblico nuovo, gran parte del quale non ha visto mai la F1 e magari adesso si è interessato. E’ stato molto bello. Io gioco a Call of Duty in inverno e quindi avere avuto questa opportunità di farne parte è stato qualcosa di entusiasmante, quindi non vedo l’ora di giocarci. C’è un mio amico che ci gioca molto e quando mi vedrà rimarrà sbalordito“, ha spiegato il britannico.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Subito dopo invece un commento sulla gara americana: “Austin e l’America sono terreni da caccia positivi per me, sono qui già da una settimana circa e non vedo l’ora di ripartire in pista e questo è un circuito fantastico, disegnato alla perfezione, uno dei pochi che permette davvero i sorpassi e di seguire le macchine che sono davanti che è sempre molto difficile in F1. Ora siamo qui e speriamo che questo week end possa andare bene per me e possa essere uno spettacolo per i fan“, ha continuato il pilota Mercedes.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Io non voglio guardami indietro, voglio guardare avanti perchè ci sono ancora 4 gare da fare e poi spero di avere ancora del tempo davanti a me per avere giornate migliori nella mia carriera. Ho fatto delle bellissime gare anche quest’anno, la stagione è lunga e nessuno è perfetto. E’ andata così finora e tutto quello che posso fare è lavorare più che posso insieme al team, abbiamo un’ottima macchina“, ha aggiunto Hamilton che non perde le speranze per il titolo Mondiale 2016.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Non ho in programma di prendere un anno sabbatico, se mai dovessi fermarmi lo farei per sempre. Se Nico dovesse vincere il campionato affronterò la cosa da uomo, non si può vincere sempre, tutti i campioni del passato hanno vinto e perso dei campionati, fa parte del gioco. Io sono nella posizione in cui ci sono ancora tanti punti a disposizione, quindi tutto è ancora possibile e ne sono convinto, ma se dovesse andare male volterei pagina. Una volta che sarà deciso l’unica cosa che posso fare è pensare al futuro che sarà l’anno prossimo e spereremo di essere ancora più forti“, ha spiegato ancora il pilota delle Frecce Argento.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Le battaglie con Nico sono sempre state ravvicinate, bisogna essere corretti, molti volti i valori erano molti ravvicinati e anche quest’anno se le cose fossero andate in modo diverso magari dal punto di vista meccanico magari i risultati sarebbero stati diversi. Quando la macchina è andata bene, 9 volte su 10 ho fatto il lavoro giusto ma altre gare sono andate male ma non sempre è dipeso da me“, ha detto ancora Hamilton che infine ha spiegato perchè non ha partecipato agli ultimi test con la Mercedes: “sto al 100%, sto alla grande, ho avuto un incidente correndo, al piede, e il mio fisioterapista mi ha detto che c’era bisogno di un po’ di stretching per non aggravare la cosa dato che era importante arrivare in perfetta forma qua“.