Lunedi 5 Dicembre

F1, Alonso esce allo scoperto: “un’offerta di Mercedes o Red Bull? Ecco cosa risponderei”

LaPresse/Photo4

A poco più di un anno dalla scadenza del suo contratto con la McLaren-Honda, Fernando Alonso svela quale potrebbe essere il suo futuro

Nessuna pausa in programma, il Mondiale di Formula 1 non si ferma e dopo il Gp di Austin è già tutto pronto per le emozioni del Gp del Messico.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

Ad ospitare la gara sudamericana sarà l’Autodromo Hermanos Rodriguez di Mexico City, sede della diciannovesima tappa del calendario 2016 che prevede ancora tre appuntamenti da qui al termine della stagione. Un anno e tre gare, questa la durata del contratto di Fernando Alonso con la McLaren-Honda, un legame saldo che potrebbe non continuare oltre il 2017 ma non per colpa di altre offerte: “una chiamata di Mercedes o Red Bull dopo il 2017? Non credo che arriverà – ha spiegato il driver di Oviedo – hanno già scelto i piloti per i prossimi due anni. So che il mio contratto con la McLaren scade nel 2017 ma per l’anno successivo il fattore che mi farà scegliere sarà lo sviluppo delle macchine.

LaPresse/Photo4

LaPresse/Photo4

In questo momento l’idea di avere la vettura più forte o di cambiare team non mi dà motivazioni. Anche se vincessi il Mondiale nel 2017 e poi mi accorgessi che le macchine non mi piacciono più, allora terminerei la mia carriera. Il Gp del Messico? È un tracciato molto impegnativo per la nostra vettura, spero che possiamo avere una buona affidabilità e fare un buon risultato, approfittando così del gran sostegno del pubblico e dei tifosi”.