Domenica 4 Dicembre

Diavoli si, ma dal cuore grande: selfie e sorrisi per i giocatori dello United con un piccolo fan disabile [FOTO e VIDEO]

I giocatori del Manchester United hanno realizzato il sogno di un piccolo fan disabile regalandogli abbracci e selfie dopo il match contro lo Stoke City

MataTerminato il ‘launch match’ di Premier League fra Manchester United e Stoke City, concluso con un deludente 1-1, gli uomini di Mourinho erano pronti a ritornare a casa con il broncio per il risultato della sfida. Quel sorriso che faceva fatica a sorgere sui loro volti hanno però deciso di regalarlo ad un piccolo fans che li aspettava fuori dallo stadio. Il piccolo Rocket Dunn, 10 anni, attendenva con ansia i suoi beniamini su una sedia a rotelle speciale, lui che è stato colpito da una paralisi cerebrale qualche anno fa e nel 2013 ha perso la mamma. C’è già tanto dolore nella sua giovane vita, ma la passione per il calcio e per lo United gli hanno permesso di farsi forza. I calciatori del Manchester, appenna visto il ragazzino, sono andati subito a salutarlo affettuosamente uno dopo l’altro, regalandogli selfie e autografi. Rocket era contentissimo, ma aspettava con ansia un giocatore in particolare, il suo idolo Zlatan Ibrahimovic che ancora non si era palesato.

LaPresse/REUTERS

LaPresse/REUTERS

Appena Zlatan è apparso in lontananza ed ha iniziato a incamminarsi verso il ragazzino, il piccolo Rocket si è emozionato a tal punto da diventare euforico: “quando Rocket lo ha visto venirgli incontro ha iniziato a muovere gambe e braccia in modo velocissimo, era in preda a un’euforia che mai avevamo visto – ha raccontato la nonna del bimbo -. Zlatan è stato fantastico. Si è fermato a chiacchierare con noi e ci ha chiesto se ci fosse piaciuto il match. Abbiamo risposto di sì, rivolgendo poi la stessa domanda a lui. ‘A me no’, ci ha detto sorridendo, ‘non mi diverto quando non segno’ “. Ibrahimovic ha poi firmato la felpa del ragazzo regalandogli anche una foto che siamo sicuri Rocket custodirà gelosamente. Grande gesto per i ‘Red Devils’: anche i ‘diavoli’ hanno un cuore!