Giovedi 8 Dicembre

Da Dario Fo a Bob Dylan: al cantante statunitense il Premio Nobel per la letteratura 2016

LaPresse/Reuters

Va a Bob Dylan il Nobel per la Letteratura 2016: nel giorno della morte di Dario Fo, il cantante statunitense riceve questo prestigioso premio

Bob Dylan ha ricevuto ieri il premio Nobel per la Letteratura 2016, “per aver creato una nuova espressione poetica nell”ambito della grande tradizione della musica americana“.

LaPresse

LaPresse

Robert Allen Zimmerman, in arte Bob Dylan, nasce a Duluth, nel Minnesota, il 24 maggio 1941. Dopo un’adolescenza trascorsa a Minneapolis, dove frequenta l’Università e i circoli dei giovani intellettuali della New Left, nel 1961 il “menestrello del folk” decide di trasferirsi a New York per suonare e far visita al suo idolo musicale Woody Guthrie, ricoverato al New Jersey Hospital. I suoi primi testi, fortemente influenzati dalla letteratura e dalla storia americana, affrontano in modo innovativo temi politici, sociali e filosofici, sfidando le convenzioni della musica pop e appellandosi alla controcultura del tempo.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Il contratto discografico con la Columbia arriva quasi subito e nel 1962 Bob Dylan pubblica il suo primo, omonimo LP. Il successo arriva nel 1963 con The Freewheelin’ Bob Dylan. L’artista viene consacrato come uno dei principali rappresentanti della folk song di protesta, oltre che una personalita’ di riferimento per l’allora nascente movimento beat.

Pubblica gli album Bringing It All Back Home, Highway 61 Revisited, Blonde On Blonde, John Wesley Harding e Nashville Skyline. Al 1974 risale Planet Waves, mentre nel 1975 Blood On The Tracks, preludio di un periodo di rinnovata popolarita’ che prosegue con l’album Desire e con il brano “Hurricane”. Seguono Infidels e Oh Mercy, mentre negli anni Novanta arrivano Unplugged e un Time Out of Mind.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Il nuovo millennio e’ inaugurato dalla pubblicazione dell’inedita “Things have changed”, inclusa nella colonna sonora del film “Wonder boys” (2000): il brano, nel marzo 2001, vincerà l’Oscar per la migliore canzone originale. Nel 2002 esce un nuovo disco di inediti, Love and Theft, orientato verso sonorità anni ’40-’50. Nel 2003 Dylan si cimenta come attore nel film “Masked and anonymous”, mentre sulla sua vita è in preparazione una pellicola diretta da Todd Haynes (che esce poi nel 2007 con il titolo di “I’m not there”). Nell’autunno del 2004 il cantautore pubblica anche “Chronicles”, primo volume di una annunciata autobiografia in piu’ capitoli. Alla fine dell’estate 2006: esce Modern times, primo lavoro in 5 anni. A settembre 2012 esce il nuovo lavoro, Tempest: contiene una ballata di 14 minuti sul Titanic e “Roll on John”, dedicata a Lennon. (ITALPRESS)