Martedi 6 Dicembre

Ciclismo mercato: Nippo Vini Fantini prende 3 corridori, mentre Bole passa alla Bahrain Merida

LaPresse/ Fabio Ferrari

La Nippo Vini Fantini acquista Marco Canola, Ivan Santaromita ed Alan Marangoni ma perde Grega Bole passato al team Bahrain Merida

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

La Nippo Vini Fantini sta organizzando il 2017 con grandi colpi in pista e nello staff. Julian Arredondo ha già firmato nei giorni scorsi, e secondo indiscrezioni de La Gazzetta dello Sport, la squadra italo-giapponese sta per concludere 3 importanti operazioni: Marco Canola, Ivan Santaromita ed Alan Marangoni.

Marco Canola è un ciclista esperto e proviene dall’United Healthcare Pro Cycling Team. Vanta una vittoria al Giro d’Italia nel 2014, la 13ª tappa che partiva da Fossano e arrivava a Rivarolo Canavese. In questa stagione ha vinto la classifica a punti del Tour di Taiwa.

Ivan Santaromita arriva dal Skydive Dubai Pro Cycling Team-Al Ahli Club. In carriera ha vinto nel 2008 con la Liquigas (quando anche Vincenzo Nibali correva per la squadra italiana) la cronosquadre della Vuelta di Spagna, nel 2012 la cronosquadre del Giro del Trentino e nel 2013 ha vinto la prova in linea dei campionati italiani.

Alan Marangoni proviene dalla Cannondale-Drapac. Ha vinto corse minori e nei grandi Giri e nelle classiche non è mai andato oltre la top 60. È un valido gregario da classiche ma sicuramente non da grandi Giri.

Cambio al vertice: agli ordini di Francesco Pelosi non ci saranno più Grega Bole, passato al team Bahrain Merida, Daniele Colli e Antonio Viola. Al loro posto approderanno Stefano Giuliani come team manager e Valerio Tebaldi che sarà in ammiraglia. Cambio importante anche per la preparazione che sarà visionata dalla Modus Vivendi di Maurizio Mazzoleni, collaboratore di Fabio Aru in Astana.

Un team che avrà ancora l’esperienza di Damiano Cunego e Pierpaolo De Negri che cercheranno di insegnare a Iuri FilosiGiacomo BerlatoEduard Grosu e Nicolas Marini tutte le migliori tattiche per affrontare al meglio le grandi tappe.