Lunedi 5 Dicembre

Ciclismo, ‘La Mafia’ come sponsor tecnico: bufera su Contador!

LaPresse/REUTERS

Il nuovo sponsor della squadra creata da Alberto Conrador aperta alle categorie juniores e under23 ha scatenato l’ira dell’Unione Europea

La Mafia si siede a tavolaParte male l’avventura della squadra di Alberto Contador aperta alle categorie juniores e under23 a causa di uno sponsor troppo irriverente. La catena Fast-food “La Mafia” è lo sponsor tecnico del team spagnolo e ha agitato e non poco gli animi dell’Unione Europea. La commissione anti-mafia presieduta da Rosy Bindi ha denunciato i locali col nome “La Mafia si siede a tavola” con le foto di Don Vito Corleone e di Lucky Luciano.

In più l’Ufficio Marchi e Disegni dell’Unione europea ha annullato il contrassegno della catena di ristoranti accogliendo così la richiesta dell’Italia. “L’accostamento del termine mafia manipola l’immagine estremamente positiva della cucina italiana. Inoltre la locuzione se sienta a la mesa è un tentativo di volere attribuire un carattere di benignità al nome di una delle organizzazioni più pericolose mai esistite in Italia. Le organizzazioni criminali di tipo mafioso sono una chiara e presente minaccia per tutta l’Unione europea perché non sono attive solo in Italia ma anche in altri Stati membri: la Spagna è uno dei paesi preferiti da molte di loro”.

La risposta dei proprietari non è tardata. “Il consumatore medio che andrebbe preso in considerazione è la normale famiglia spagnola che desidera andare in un ristorante italiano”, hanno dichiarato i proprietari come riportato da www.todaysport.it.

Quindi per Alberto Contador la situazione è molto complicata e adesso dovrà trovare un altro sponsor tecnico per la sua squadra.