Sabato 10 Dicembre

Cessione Milan, la clamorosa tentazione di Berlusconi: ma dalla Cina è in atto la ‘contromossa’

LaPresse/Vincenzo Livieri

Cessione Milan alla cordata rappresentata da Yonghong Li che procede spedita nonostante la ‘tentazione’ degli ultimi giorni di Silvio Berlusconi

Han Li Berlusconi

Han Li Berlusconi

Cessione Milan, la tentazione di Silvio Berlusconi – Colpo di scena, l’ennesimo di una storia infinita. “Al punto che, raccontano alcune fonti vicine a Silvio Berlusconi, il presidente rossonero, scherzando con alcuni amici sul buon andamento in campionato dei rossoneri, avrebbe ipotizzato di tenersi il Milan, nel caso la lista finale degli investitori non si dovesse concretizzare in tempi rapidi”, scherzando ma non troppo. Firmato Carlo Festa prestigiosissima firma de ‘Il Sole 24 Ore’. Una tentazione di un ‘vecchio cuore rossonero’, niente più. Vedere il Milan (pieno di giovani italiani) così in alto in classifica farà sicuramente piacere al Presidente rossonero, ma ormai la trattativa per la cessione del club è così avviata che nessun (eventuale) ripensamento potrà scombinare i piani.

LaPresse/Piero Cruciatti

LaPresse/Piero Cruciatti

Cessione Milan, la tentazione di Silvio Berlusconi – Tanto che, come svelato sempre da Carlo Festa attraverso il suo blog “la lista finale con gli investitori del Milan, appartenenti alla cordata Sino Europe Sports (Ses), verrà consegnata a Fininvest dopo le autorizzazioni all’esportazione di capitali e cioè intorno al 10 di novembre”. Una contromossa per spazzare via ogni dubbio. Inoltre, i 100 milioni già versati dalla cordata cinese dovrebbero essere restituiti da Fininvest con l’aggiunta di una penale di altri 100 milioni. Al di là di ogni qualsiasi tentazione di Berlusconi, ormai è troppo tardi per ‘riprendersi’ il Milan. 200 milioni di ragioni spianano la strada a Yonghong Lì ed ai suoi soci.