Mercoledi 7 Dicembre

Bonaventura, schiaffo al (vecchio) Milan: “caos e nessun futuro. Così Montella mi ha convinto a rimanere”

LaPresse/Spada

Bonaventura confessa che in estate voleva lasciare il Milan, poi svela gli ingredienti della cura Montella che lo hanno convinto a rimanere in rossonero

LaPresse/Spada

LaPresse/Spada

Bonaventura, verità Milan – Un’estate difficile, con più di un dubbio sul futuro. “Avevo le idee confuse, avevo sofferto parecchio anche l’esclusione dall’Europeo, perché sapevo di aver fatto un gran campionato. Poi, fin dai primi giorni di ritiro, ho visto che l’andazzo era cambiato. Ora si è creato un grande gruppo, è bello essere qua e non cerco altre situazioni. Mi aspettavo di trovare un po’ più di caos, ma Montella è stato molto bravo a isolarci”, firmato Jack Bonaventura. Il centrocampista del Milan si racconta alla Gazzetta dello Sport e non nasconde di aver pensato all’addio in estate.

LaPresse/Gerardo Cafaro

LaPresse/Gerardo Cafaro

Bonaventura, verità Milan – Poi la cura Montella… “Arrivavamo da stagioni tristi, Montella ha portato la gioia di giocare a pallone. Ha curato molto l’aspetto mentale, ma l’80% del lavoro davvero importante è stato sul campo. È quello che poi si porta dietro anche la testa. In effetti, tra risultati che non arrivavano e situazioni extra campo, non si scorgeva un grande futuro in vista di questa stagione. Il mio rimpianto è di essere arrivato in un Milan senza Europa, ma questo è l’anno giusto per tornarci. Sabato possiamo battere la Juve perché è una gara secca, in casa nostra e loro ci faranno tirare fuori il 100%. E poi ci siamo avvicinati parecchio al livello delle prime”. Tutti contenti, Bonaventura in primis.