Domenica 11 Dicembre

Basket, Sassari torna a respirare l’aria europea: domani la sfida contro lo Szolnoki

LaPresse/Marco Fele

Alla vigilia del match contro i campioni ungheresi, il coach di Sassari, Pasquini, svela i punti di forza degli avversari

Seconda sfida in Champions League per il Banco di Sardegna Sassari, che, archiviata la sconfitta con Cantù, domani a Szolnok (palla a due alle 18) incontrerà i campioni ungheresi dello Szolnoki Olaj.

LaPresse/Marco Fele

LaPresse/Marco Fele

Della sconfitta del PalaDesio ci portiamo dietro la consapevolezza che, se in alcune fasi del gioco usciamo fuori dal nostro sistema e dalla nostra esecuzione, in particolare domenica tra difficoltà numerica, difficoltà di rotazioni per l’assenza di Lydeka e Savanovic e Olaseni con 4 falli, gli avversari e squadre come Cantù prendono il sopravvento, come è normale” spiega alla vigilia della sfida europea il coach dei sardi, Federico Pasquini. “Ovviamente, giocando ogni tre giorni, non puoi stare dietro alle partite che vinci e quelle che perdi, bisogna di recuperare energie velocemente e lasciare subito andare le scorie. E’ evidente che abbiamo fatto un’analisi specifica e dettagliata di una partita che non ci ha soddisfatto, bisogna ripartire con energia per essere quelli visti fino a oggi e nei primi 25 minuti della partita di Cantù. Andiamo ad affrontare una squadra che in casa, complice un impianto piccolo con la gente che ti sta addosso, dà sempre il massimo e sfrutta al meglio il proprio fattore campo, come sappiamo dalla passata stagione. La stella della squadraè ancora David Vojvoda, che l’anno scorso in Eurocup ci fece molto male“. (ITALPRESS)