Sabato 10 Dicembre

Autocritica? No, altre (e nuove) ‘scuse’: Napoli, ecco l’ultimo sfogo di Sarri!

LaPresse/Valter Parisotto

L’allenatore del Napoli Sarri si sfoga dopo la sconfitta con il Besiktas: e nel post gara prosegue il processo di ‘mazzarrizzazione’

LaPresse/Valerio Andreani

LaPresse/Valerio Andreani

Napoli, le ‘scuse’ di Sarri – Una sconfitta in Champions che fa male e che potrebbe lasciare il segno dopo quella in campionato con la Roma. Il Napoli crolla ancora al San Paolo, questa volta contro il Besiktas. Nel mirino della critica le scelte di formazioni di Sarri (falso nueve con Gabbiadini in panchina su tutte), ma l’allenatore azzurro come al solito, ormai, a fine gara prosegue nel processo di ‘mazzarrizzazione’ che ormai da inizio stagione sembra averlo contagiato.

LaPresse/Mauro Locatelli

LaPresse/Mauro Locatelli

Napoli, le ‘scuse’ di Sarri –Venendo da un campionato di alto livello ci hanno messo etichette addosso che non sono nostre, dobbiamo fare un percorso più lungo e dobbiamo fregarcene di tutto quello che viene detto. In fase difensiva voglio rivedere bene il primo gol dove probabilmente abbiamo sbagliato, il secondo per un errore in possesso palla e il terzo su una palla ferma dove siamo stati ingenui a non allungare la squadra sul secondo palo dove avevano 3-4 giocatori, in più era fuorigioco e questo va ad aggiungersi a tutte le negatività della serata”, le parole di Sarri in conferenza stampa.

LaPresse/Gerardo Cafaro

LaPresse/Gerardo Cafaro

Napoli, le ‘scuse’ di Sarri – ‘Etichette’ a parte, Sarri analizza il match: “è un momento in cui ci complichiamo le partite da soli e poi va tutto in salita. La squadra ha fatto bene all’inizio, il rigore sbagliato ci è costato dieci minuti di passività e il gol subito nel finale ha chiuso la partita cinque minuti prima. Giochiamo con qualche preoccupazione di troppo e ci complica le partite, la sensazione è che oggi ci fosse una rabbia nettamente superiore rispetto alla partita con la Roma, non l’abbiamo espressa benissimo perché la fase difensiva era nervosa e disordinata, anche se la fase difensiva c’entra poco nei gol subiti. Bisogna ritrovare spensieratezza e accorciare la squadra perché così si fa fatica”.