Sabato 3 Dicembre

Zaza, il papà rivela: “ecco tutta la verità sul mancato trasferimento di Simone al Napoli”

LaPresse/ Fabio Ferrari

Il papà e agente di Simone Zaza svela l’accordo con il Napoli e tutta la delusione dell’attaccante oggi al West Ham per il mancato approdo in maglia azzurra

LaPresse/ Fabio Ferrari

LaPresse/ Fabio Ferrari

Zaza al Napoli, il retroscena – “Simone a Torino stava bene, ma aveva deciso di cambiare aria perché consapevole di essere destinato a trovare pochissimo spazio in bianconero e il suo desiderio era giocare di più”. E lui, Zaza, lo avrebbe volentieri fatto al Napoli. A svelarlo nel corso di un’intervista rilasciata a TuttoNapoli.net è Antonio Zaza, papà e agente dell’attaccante oggi al West Ham: “con il Napoli c’è stato un forte contatto. Dopodiché, però, non si sono fatti più sentire e non ci hanno nemmeno spiegato il motivo. Con Giuntoli ci siamo incontrati a casa nostra, a Torino. Parlammo quattro ore, forse anche di più. Un colloquio molto garbato: avevamo trovato l’accordo su tutto e ci saremmo dovuti sentire un giorno, al massimo due giorni dopo, ma non si sono fatti più sentire. Sono spariti”.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Zaza al Napoli, il retroscena – Una situazione che ha amareggiato e non poco il giocatore: “non ho problemi a dire che la sua proposta fu anche molto importante: c’erano stati offerti 3 milioni e mezzo più ulteriori bonus, queste erano le cifre garantite dal direttore sportivo. Poi, però, non si è fatto più vivo. Da quello che so la Juventus non era entusiasta di cederlo agli azzurri, che però avevano avanzato una proposta ufficiale ai bianconeri. Non conosco le cifre, ma so con certezza che se il Napoli avesse voluto, lo avrebbe preso, anche perché il giocatore avrebbe chiarito alla dirigenza torinese che il suo desiderio era vestire l’azzurro. A livello umano mio figlio c’è rimasto male, aspettavamo almeno una risposta, invece niente. Simone non ha mai rifiutato Napoli, questo deve essere ben chiaro. Avrebbe indossato più che volentieri la maglia azzurra, che nessuno pensi il contrario”