Martedi 6 Dicembre

US Open, il riscatto di Lorenzi: “mi dissero che non sarei mai entrato nei top 50…”

LaPresse/Xinhua

Le grandi soddisfazioni e il riscatto a 34 anni di Paolo Lorenzi

Paolo Lorenzi è diventato un eroe per i tifosi italiani ma anche per gli spettatori statunitensi degli US Open. L’azzurro ha tenuto testa al numero 2 al mondo, Andy Murray, strappandogli anche un set nel match valido per i sedicesimi del quarto e ultimo Slam della stagione che si sta svolgendo sui campi in cemento del Flushing Meadows di New York.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Un match che rende soddisfatti sia il tennista italiano che tutti i suoi tifosi: “anni fa mi dissero che non sarei riuscito ad entrare nei top 50 e sono nei top 40. Non lo posso sapere. Ma questa partita me la sono proprio goduta, perché rispetto ad altre occasioni con i big sono stato capace di fare il mio gioco. Spero nella prossima volta“, ha dichiarato Lorenzi dopo il match contro Murray in un’intervista a La Gazzetta dello Sport.

New York, Tennis U.S. OpenSono entrato in campo con un’altra convinzione. Con più fiducia nei miei mezzi. Quando giocai con Djokovic qui non ero così pronto: feci tanta fatica. Ma forse proprio perché il mio livello era inferiore rispetto ad oggi. Con gli altri idem. Ho bisogno di fare qualche anno in più di esperienza“, ha aggiunto il romano.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Quando perdi non puoi essere felice, ma so di aver giocato un buon match. Cerco sempre di vedere il lato positivo di una partita per mettere qualcosa in più nella prossima”, ammette Lorenzi che da questi US Open si porta “la consapevolezza che sto lavorando nella direzione giusta. E che se miglioro ancora, magari negli Slam riesco a passare qualche turno“.