Lunedi 5 Dicembre

Tennis, Del Potro e l’idea supercoach: “mi piacerebbe allenarmi con una leggenda”

LaPresse/EFE

Del Potro ha parlato della possibilità di assumere un supercoach come allenatore fisso, presente nello staff di tanti top players

LaPresse/Xinhua

LaPresse/Xinhua

Grande momento di forma per Juan Martin Del Potro: l’argentino è tornato più grintoso che mai dopo la serie di stop che ne hanno pregiudicato l’integrità del polso. Lo dimostra la finale di Rio, persa contro un super Murray ma solo al quinto set. Del Potro ha dichiarato a ‘Espanol’ che nonostante abbia raggiunto ottimi risultati senza allenatore, gli piacerebbe assumere un coach, magari una leggenda: “ci sono grandi persone nel circuito. Non credo che sia una questione di fortuna che Djokovic sia con Becker, Murray con Lendl, che i grandi giocatori siano con i migliori di sempre. Avere questo tipo di team per me sarebbe fantastico e credo che possa portarmi molte cose dentro e fuori il campo. Sono stati giocatori che hanno avuto pressione per tutta la loro carriera e che hanno saputo gestirla bene”.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Del Potro ha motivato la scelta di asumer eun supercoach per avere un punto di riferimento che lo aiuti con la sua grande esperienza: “sarebbe importante avere un punto di riferimento come loro e uno che sia con me giorno per giorno, che abbia un rapporto stretto con me. Sarebbe qualcosa di nuovo per la mia carriera, ma visto che sono reduce da tanti cambiamenti… potrei provarlo. Preferirei analizzare i possibili allenatori disponibili per l’anno prossimo appena ho un momento libero, visto che da Rio de Janeiro non ho mai staccato. Per me è fondamentale anche il preparatore atletico in modo da star bene costantemente a livello mentale e fisico. Certo, potrei continuare a non avere un allenatore visto che sto giocando bene, ma averlo sarebbe più comodo“.