Venerdi 9 Dicembre

Superbike, si torna in pista in Francia: Chaz Davies ha voglia di stupire

LaPresse/EFE

Il Team Aruba.it Racing-Ducati si prepara alla penultima tappa europea del Mondiale di Superbike

Dopo essere tornato alla vittoria all’EuroSpeedway Lausitz (Germania) con Chaz Davies, il team Aruba.it Racing – Ducati è pronto a fare tappa a Magny-Cours (Francia) per il penultimo round europeo del Campionato Mondiale Superbike 2016, in programma dal 30 settembre al 2 ottobre.
Sykes, Giugliano e Davies jpgDavies, che poco più di una settimana fa ha celebrato la sua quinta vittoria stagionale eguagliando il proprio record personale, ha come obiettivo dichiarato quello di migliorare il secondo posto ottenuto in Gara 2 nel 2015 sul tracciato transalpino ed accorciare le distanze in campionato. Davide Giugliano, scivolato in Germania quando era secondo in Gara 2 sotto la pioggia, si è sottoposto con riscontri positivi ad un programma di fisioterapia per recuperare dal trauma alla spalla destra dopo che ulteriori controlli avevano escluso fratture, ed è pronto a riprendere il percorso che lo ha visto salire sul podio nei quattro round precedenti a quello tedesco. Il ritorno in pista è fissato alle 10:15 (CET) di venerdì per la prima sessione di prove libere.
1068_R10_Davies ChazChaz Davies (Aruba.it Racing – Ducati #7) 3º (295 punti)
Dopo la bella esperienza a quattro ruote nella TT Cup, sono contento di tornare in sella alla Panigale R, un mezzo con il quale ho maggiore dimestichezza. Lo scorso anno, a Magny-Cours, avevamo trovato un setup in grado di farci tenere un buon ritmo sull’asciutto. Ripartiremo da quella base e cercheremo di sfruttare anche il feeling ritrovato, che ci ha permesso di tornare in cima al podio in Germania. Il meteo sarà imprevedibile, ma sicuramente dovremo affrontare la pioggia prima o poi. A questo proposito, abbiamo imparato molto da Gara 2 a Lausitz, quindi non vedo l’ora di scendere in pista”.
GiuglianoDavide Giugliano (Aruba.it Racing – Ducati #34) 6º (194 punti)
Avverto ancora un po’ di dolore alla spalla ma ho recuperato abbastanza velocemente in questi giorni grazie alla fisioterapia, quindi la speranza è di tornare in condizioni fisiche ottimali in tempo per la FP1. Il tracciato di Lausitz non era certo tra i miei preferiti, sia come configurazione che come condizioni dell’asfalto, mentre le prossime tre gare si disputano su piste che mi piacciono di più. A Magny-Cours mi sono sempre trovato bene. È un circuito divertente, con un layout abbastanza particolare. Il meteo potrebbe di nuovo rappresentare un’incognita ma in ogni caso saremo pronti”.