Martedi 6 Dicembre

“Sto male per Witsel”, clamoroso Lucescu: “ecco tutta la verità sul ‘no’ alla Juventus”

LaPresse/PA

Mircea Lucescu, allenatore dello Zenit, svela i retroscena del mancato approdo di Witsel alla Juventus

LaPresse/Daniele Badolato

LaPresse/Daniele Badolato

Witsel-Juventus, le verità di Lucescu – Valigie chiuse destinazione Torino. Check-in, decollo, atterraggio puntuale: viaggio che proprio meglio non poteva andare. Poi le visite mediche e l’ingresso in sede in attesa dell’ultimo ok dallo Zenit e il contratto con la Juventus solo da firmare. Ma le ore passano e la risposta dalla Russia non arriva. E non arriverà mai. Axel Witsel è costretto a risalire su un nuovo aereo. Un affare sfumato in maniera davvero incredibile, una ‘ripicca’ da parte di Lucescu, allenatore dello Zenit, secondo molti.

LaPresse/PA

LaPresse/PA

Witsel-Juventus, le verità di Lucescu – A svelare il retroscena del mancato approdo del centrocampista belga alla Juventus è lo stesso Lucescu nel corso di un’intervista rilasciata a TuttoSport: “non è vero che sono stato io a bloccare Witsel alla Juventus. E sentire che tutti diano la colpa a me, mi fa stare male. Sia chiara una cosa: gli allenatori possono proporre, non decidere in sede di mercato. A Witsel avevo dato l’ok per la Juventus, altrimenti mercoledì non sarebbe potuto andare a Torino per effettuare le visite mediche. La verità è che è mancato il tempo. Fino a dieci minuti dalle 23, cioè alla chiusura del mercato, abbiamo fatto tutto il possibile per permettere ad Axel di diventare bianconero”.

LaPresse/Fabio Ferrari

LaPresse/Fabio Ferrari

Witsel-Juventus, le verità di Lucescu – Tempo e sostituto, dunque. Lucescu svela altri retroscena: “abbiamo provato a compare un sostituto, ma il club russo proprietario di quel giocatore, sapendo che noi eravamo in trattativa con la Juventus per cedere Witsel, all’ultimo momento ci ha chiesto una cifra impossibile. Quella squadra ha stoppato il nostro possibile acquisto e lo Zenit, di conseguenza, ha fermato Witsel. Anche lo Zenit è un club ambizioso, con molti tifosi, mica può vendere un big senza comprare un sostituto. Pensate che un altro allenatore si sarebbe comportato diversamente al posto mio? Witsel-Juventus a gennaio? Perché no, è una possibilità. Ma la Juventus dovrà muoversi per tempo, con una proposta giusta“.