Sabato 3 Dicembre

Roma 2024, Malagò sbotta: “se la candidatura non andasse a buon fine, perderemmo credibilità”

LaPresse/Alfredo Falcone

Gianni Malagò difende a spada tratta la candidatura di Roma per l’Olimpiade del 2024, sottolineando come l’Italia perderebbe di credibilità in caso di dietrofront

Parole forti e dure, frasi schiette e chiare che hanno lo scopo di aprire gli occhi su Roma 2024. Giovanni Malagò non ha intenzione rovinare tutto il lavoro svolto per regalare all’Italia le Olimpiadi, per questo motivo non le ha mandate a dire durante il workshop Ambrosetti a Cernobbio. “Se questa candidatura (di Roma, ndr) non dovesse andare avanti la credibilità andrebbe veramente sotto zero. Noi siamo abituati a ragionare con le chiacchiere di casa nostra ma fuori dai nostri confini, parlo del Comitato olimpico internazionale, queste cose pesano molto. Per presentare una candidatura alternativa a Roma non ci sono più i tempi tecnici formali. Dopo le Paralimpiadi, andremo con Luca Pancalli a parlare con la Raggi perchè la città è una componente fondamentale di una candidatura, di un dossier, così come lo sono il Comitato olimpico e il governo“.