Domenica 11 Dicembre

Roma 2024: l’apertura che invade il campo

LaPresse / Roberto Monaldo

Giovanni Malagò difende a spada tratta la candidatura di Roma ai Giochi Olimpici del 2024, facendo capire come i problemi siano di origine economica, e non politica

Si tende a minimizzare l’effetto Raggi sugli interessi, già probabilmente appaltati, della Roma Olimpica e del suo potentissimo comitato organizzatore.

LaPresse/Vincenzo Livieri

LaPresse/Vincenzo Livieri

Si tende a dimenticare le facce e i nomi di chi sta seduto, invisibilmente ma non più di tanto, in cabina di regia. Si tende a pensare che i problemi siano politici, non economici. Poi, pre-potente, arriva la verità, spiattellata in diretta tivù, in apertura del programma sportivo probabilmente più seguito, specialmente dopo un risultato a sorpresa come quello di Inter-Juventus: 3 minuti di comizio a favore dei Giochi di Roma 2024, 3 minuti senza interruzione, 3 minuti di avvio programma, audience al massimo. 3 minuti in cui Giovanni Malagò, presidente del CONI, fa capire chiaramente al popolo italiano chi comanda in Italia. E che i problemi, come sempre a Roma, sono di origine economica, mai politica. W lo sport pulito!