Domenica 4 Dicembre

Paralimpiadi Rio 2016, Pancalli entusiasta: “i nostri ragazzi sono atleti con la A maiuscola”

LaPresse/Fabio Cimaglia

Dopo la cerimonia di apertura delle Paralimpiadi di Rio, Luca Pancalli ha esaltato i suoi atleti in vista dell’inizio delle competizioni

Ci sentiamo molto fortunati, e credo di interpretare i sentimenti di tutta la squadra. Vogliamo lanciare attraverso ciò che fanno i nostri azzurri un messaggio sportivo, perchè sono atleti con la a maiuscola, e che aiuti a cambiare la percezione della disabilità nella gente“.

LaPresse/Reuters

LaPresse/Reuters

Così, ai microfoni di Radio 1, il presidente del Comitato Italiano Paralimpico, Luca Pancalli, ieri sera protagonista della sfilata della delegazione italiana al Maracanà di Rio de Janeiro nella cerimonia inaugurale delle Paralimpiadi 2016. “Continuo a guardare con ammirazione i miei ragazzi e ragazze, bisogna guardar loro solo come straordinari atleti – spiega il numero uno del Cip – abbiamo abbattuto le barriere del pietismo e acquistato dignità: loro sono atleti con la consapevolezza di rappresentare di più del risultato sportivo che eventualmente raggiungeranno. Ognuno di loro sa che andrà oltre i propri limiti e vorremmo che attraverso lo sport si contagi virtuosamente la società civile“. Rimane invece importante il gap economico con gli atleti olimpici: “se uno fa l’atleta, lo fa per la passione ed il cuore. Abbiamo tentato negli ultimi anni di sostenerli con borse di studio e premi per le medaglie, però non è questo il problema reale. Il prossimo obiettivo è che si sappia che sono qui con ferie o permessi non retribuiti, e molti di loro non hanno un lavoro. Vorremmo metterli nelle stesse posizioni dei colleghi olimpici, trovando accesso nella pubblica amministrazione perchè il tricolore che indossano non è sbiadito rispetto a quello dei colleghi olimpici“.