Venerdi 9 Dicembre

Open d’Italia 2016, Paisley vola in testa, perde terreno Francesco Molinari

Sergio Bisi

Secondo giro dell’Open d’Italia sospeso per pioggia, in testa adesso c’è Chris Paisley, solo ottavo Francesco Molinari

L’inglese Chris Paisley è il nuovo leader nella classifica provvisoria del 73° Open d’Italia che si sta disputando sul percorso del Golf Club Milano. Anche il secondo giro è stato sospeso a causa della pioggia caduta abbondante nel pomeriggio. Al momento dello stop Paisley era alla buca 13 con lo score di “-10”, ossia dieci colpi sotto par, e con uno di vantaggio sull’inglese Danny Willett, campione Masters, stoppato alla stessa buca sul “meno 9”.

LaPresse

LaPresse

Al terzo posto con 139 (68 66) l’australiano Richard Green, uno dei soli quattro giocatori che hanno terminato il turno, affiancato dal francese Alexander Levy, fermato alla 16ª buca, e dall’inglese Chris Hanson (12ª), che hanno lo stesso “meno 8”. Non è partito lo svedese Rikard Karlberg, sceso al sesto posto con il “meno 7” con cui era al comando dopo un giro, ma ha tutte le 18 buche per risalire. Ha perso terreno anche Francesco Molinari, ottavo con “-6” per lo stesso motivo ed è stato affiancato dal tedesco Martin Kaymer (13ª) che ha ha guadagnato tre posizioni. Al palo anche il dilettante Federico Zucchetti (-4), scivolato in 26ª posizione.

Tra gli altri italiani che hanno giocato, Nino Bertasio (14ª) e Filippo Bergamaschi (9ª) sono 38.i con “-3”, e Andrea Pavan (15ª) è 53° con “-2”. Edoardo Molinari (14ª), 75° con “-1”, ha effettuato un gran recupero per evitare il taglio con un “meno 4” di giornata e ha ancora quattro buche per un altro birdie che potrebbe essere risolutivo onde rimanere in gara. Ha concluso Alessandro Tadini, 153° con 148 (+6), che uscirà di gara e si è ritirato Lorenzo Gagli.

Domani partenza alle ore 7,30. Si concluderà il secondo giro e si procederà con il terzo fino a quando ci  sarà luce.

Il 73° Open d’Italia, il primo del Progetto Ryder Cup 2022,  si disputa sulla distanza di 72 buche con un montepremi di tre milioni di euro, raddoppiato rispetto allo scorso anno, così come la prima moneta salita da 250.000 a 500.000 euro. Il taglio dopo 36 buche promuoverà agli ultimi due giri i primi 65 classificati, i pari merito al 65° posto e i dilettanti che rientreranno nel punteggio di ammissione.