Lunedi 5 Dicembre

NBA, l’amarezza di Derrick Rose: “a Chicago la mia gente mi dava per scontato”

LaPresse/XinHua

Nonostante l’affetto per il suo ex pubblico, Derrick Rose ha svelato tutta la sua amarezza per il trattamento riservatogli a Chicago negli ultimi anni

LaPresse/EFE

LaPresse/EFE

La riconoscenza, di questi tempi, è una cosa più unica che rara. Lo sa bene Derrick Rose, figlio dell’Illinois, nato e cresciuto cestisticamente e non a Chicago, idolo fin dalla prima stagione NBA nel lontano 2008 con i Bulls, che si è visto dare il ben servito dal suo team. Nonostante Rose ci tenga a sottolineare come non possa provare rancore per la sua gente, la delusione nelle sue parole è evidente: Derrick Rose a Chicago era passato da idolo a uno dei tanti. Nella mia città ormai mi davano per scontato: la gente, i tifosi, mi hanno visto crescere. A New York credo di poter tornare quello del primo periodo di Chicago. Comunque non ce l’ho con i fan dei Bulls. Per me è impossibile provare una qualsiasi forma di rancore nei loro confronti. Tutto quello che posso fare è lavorare, giocare bene e sperare che anche a Chicago continuino a seguirmi”.